lunedì 26 settembre 2016 - Aggiornato alle 22:44
9 giugno 2016 Ultimo aggiornamento alle 20:26

Lirico Sperimentale pronto alla tournée in Giappone: tredici date per ‘La Bohème’

Cento tra artisti e staff in partenza per 14 alzate di sipario, presidente Rossi Profili: «Occasione importante». Cecchini: «Alta cultura made in Umbria» e Cardarelli: «Fare di più»

Lirico Sperimentale pronto alla tournée in Giappone: tredici date per ‘La Bohème’

«Italia e Giappone più vicini nel nome del bel canto grazie alla dedizione del Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto». Questo un passaggio del messaggio di saluto che il ministro Dario Franceschini ha inviato alla storica istituzione umbra in partenza per un maxi tour che coinvolgerà, dal 14 giugno al 4 luglio, oltre cento persone tra artisti e staff tecnico impegnati in tredici prestigiosi palcoscenici tra cui i i celebri Bunka Kaikan di Tokyo e Festival Hall di Osaka.

Lirico Sperimentale in Giappone Nel Paese del sol levante il Lirico Sperimentale porterà, per un totale di quattordici alzate di sipario, La Bohème di Giacomo Puccini nella  fortunata edizione rappresentata con successo lo scorso anno a Spoleto e nelle maggiori città dell’Umbria nell’ambito della 69ma Stagione lirica sperimentale. L’iniziativa, che secondo le stime dovrebbe portare a circa 30 mila spettatori, è stata presentata giovedì mattina a Palazzo Donini nel corso di una conferenza stampa, coordinata dal direttore del Tls Claudio Lepore, a cui hanno partecipato la presidente dell’istituzione Maria Chiara Rossi Profili, l’assessore regionale alla cultura Fernanda Cecchini, il sindaco di Spoleto Fabrizio Cardarelli, l’assessore comunale alla cultura Gianni Quaranta e Michelangelo Zurletti, direttore artistico del Tls. L’opera sarà diretta da Carlo Palleschi per la regia di Giorgio Bongiovanni, come star ospite ci sarà il soprano Carmela Remigio, tra le più affermate cantanti italiane di livello internazionale, che interpreterà il ruolo di Mimi.

La tournée da Kobe a Tokyo L’allestimento scenico sarà quello storico di Ercole Sormani, ripreso e restaurato dal suo allievo prediletto Marzio Cardaropoli con la collaborazione, a Spoleto, dello scenografo Andrea Stanisci.  Interpreti della produzione  “giapponese” gli artisti del Teatro Lirico Sperimentale che si alterneranno in più cast. La Bohème sarà rappresenta a Tsu (capitale della prefettura di Mie, dove si è recentemente svolto il vertice G7), a Nagoya nell’ambito del 38mo International Music Festival di Nagoya, che oltre a La Bohème di Spoleto comprende l’esibizione di celebri formazioni artistiche quali l’Orchestra Filarmonica di San Pietroburgo e il Royal Ballet di Londra. Cantani e orchestra del Tls sono attesi anche a Toyama, Fukuoka, Oita, Kobe, Osaka, Niigata, Hamamatsu e Tokyo.

«Alta cultura made in Umbria» Per la presidente Rossi Profili, la tournée che si realizza in occasione del 70esimo anniversario di attività del Tls «rappresenta una occasione importante per l’istituzione e per i cantanti per i quali si apre una opportunità di carattere internazionale. La nostra presenza in Giappone – ha concluso – conferma la qualità del lavoro che abbiamo svolto e costituisce una vetrina significativa per la promozione dell’Umbria e delle sue istituzioni culturali». A evidenziare il valore dell’istituzione culturale è l’assessore Cecchini: «È una delle istituzioni culturali di eccellenza dell’Umbria, dove crescono talenti e giovani artisti apprezzati nel mondo. Nel panorama regionale, ricco di beni storico artistici e di iniziative culturali sparse su tutto il territorio umbro, dai piccoli borghi alle città, il Lirico si caratterizza come una istituzione di alta cultura, capace di promuovere nel mondo non solo la musica ed il bel canto, ma anche l’Umbria ed il made in Italy».

«Impegnati a rafforzare azione Tls»  A Palazzo Donini anche il sindaco Cardarelli, che parteciperà ad alcune date della tournée in Giappone: «La cultura – ha detto il sindaco Fabrizio Cardarelli – è il volano per il futuro della città di Spoleto ed è su questo settore che punta l’amministrazione comunale per lo sviluppo della città. In questo quadro lo Sperimentale costituisce una emergenza culturale che caratterizza la città come luogo di cultura ad alto livello». Nell’evidenziare che «è importante metter in atto tutte le sinergie possibili tra le diverse istituzioni culturali per rafforzarne l’azione anche al di fuori della regione, senza che nessuna perda tuttavia la propria immagine e peculiarità», il sindaco ha aggiunto che «la tournée in Giappone riconferma il prestigio che questa istituzione spoletina ha raggiunto a livello internazionale come fiore all’occhiello della cultura italiana».

 

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250