sabato 1 ottobre 2016 - Aggiornato alle 09:01
12 maggio 2016 Ultimo aggiornamento alle 15:18

Lavoratori firmano accordo ‘Coop Centro Italia': «Salvata totalità occupazione, 50 mln di investimento»

«No a terziarizzazione e clausola sociale. Dentro accordo anche magazzini Castiglione, Terni e lavoratori Superconti »

Lavoratori firmano accordo ‘Coop Centro Italia': «Salvata totalità occupazione, 50 mln di investimento»

«Le assemblee dei lavoratori e gli attivi dei delegati di ‘Coop Centro Italia’ hanno approvato l’accordo siglato lo scorso 27 aprile per il protocollo di gestione del piano industriale 2016/2019 e l’annessa riorganizzazione del gruppo ‘Coop Centro Itali’a, a seguito dell’acquisizione della rete Superconti», lo comunicano attraverso una nota congiunta i sindacati Cgil, Cisl e Uil.

I numeri L’accordo, interessa circa 3.500 lavoratori, distribuiti nelle 9 province in cui è presente il gruppo. «Un accordo sofferto – spiegano Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil di Perugia – che prevede sacrifici nel breve periodo, ma apre una prospettiva importante per il futuro del gruppo».

L’accordo Il sindacato sottolinea il risultato ottenuto, soprattutto in merito alla gestione degli esuberi, in quanto «è salvaguardata – scrivono le sigle unitarie – la totalità dell’occupazione, mentre l’azienda ha rinunciato alla terziarizzazione delle attività del magazzino Coop di Castiglione del Lago. L’accordo prevede inoltre che i dipendenti in esubero del magazzino siano tutti ricollocati nei punti vendita. Mentre ai dipendenti dell’appalto del magazzino di Terni sarà applicata la clausola sociale». «La clausola sociale  – spiegano ancora – è un risultato fondamentale che libera i lavoratori in appalto dalla precarietà occupazionale».

Rete Superconti Gli esuberi che si determineranno nella rete Superconti, a causa della chiusura dei negozi di abbigliamento, – mettono per iscritto i sindacati nella nota diffusa – saranno ricollocati nella rete vendita della società stessa. «Questo non consentirà di assorbire completamente gli esuberi, pertanto è previsto un piano di strumenti che consentirà a breve e a medio termine di gestire le criticità, evitando un impatto traumatico sull’occupazione ed escludendo licenziamenti coatti», recita la nota.

Investimento di 50 milioni La Cooperativa – si legge ancora – ha intanto confermato i 50 milioni di euro di investimento, l’intenzione di aumentare di 500 unità la forza lavoro nei prossimi anni e ha ribadito la centralità di Castiglione del Lago, dove sono situati la sede e il magazzino, anche con la nuova conformazione dell’impresa, che puntando a fare importanti investimenti nel Lazio e avendo ad oggi una presenza importante nella provincia di Terni avrebbe un baricentro più spostato al sud.

Gli impegni Le parti si sono inoltre impegnate – conclude la nota sindacale – a gestire di concerto tutti i processi di riorganizzazione che si determineranno e a mantenere costante il dialogo con le istituzioni locali, confermando in questo modo la peculiarità della cooperazione di garantire un rapporto coi territori in cui opera e rilanciando il ruolo della concertazione con le istituzioni quale strumento indispensabile a sostegno dei processi di cambiamento.

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250