mercoledì 28 settembre 2016 - Aggiornato alle 19:03
9 luglio 2016 Ultimo aggiornamento alle 17:15

Inchiesta Umbria Mobilità, sequestro preventivo di sei milioni alla Regione

Il giudice su richiesta della Procura blocca la somma. UM: «Ribadiamo assoluta correttezza in operato azienda»

Inchiesta Umbria Mobilità, sequestro preventivo di sei milioni alla Regione
Un autobus di UM (foto Fabrizi)

Un sequestro preventivo di quasi sei milioni di euro è stato richiesto dalla Procura di Perugia e firmato dal gip, ma non all’azienda, come riportato dal Messaggero, bensì sul conto di tesoreria della Regione Umbria. Questo è l’ultimo degli sviluppi sull’inchiesta della Procura perugina su una presunta truffa ai danni dello Stato per l’assegnazione di un contributo pari proprio a quasi sei milioni alla Regione dal Fondo nazionale trasporti.

Sequestro alla Regione In una nota è proprio Umbria Tpl e Mobilità spa a definire «notizia priva di fondamento e quindi falsa» che sia stato operato un sequestro nei sui confronti. «Risulta infatti – si legge nella nota – un decreto di sequestro per l’importo di euro 5.996.858,24, come quota parte di una più ampia assegnazione a valere sul Fondo nazionale trasporti, ma operata sul conto di tesoreria della Regione Umbria, che è infatti l’Ente assegnatario di tale Fondo. Si ricorda che Umbria Mobilitá spa – società interamente pubblica – ha da oltre 2 anni cessato di gestire servizi di trasporto locale e non risulta quindi neanche indirettamente interessata dal sequestro di cui sopra».

Assoluta correttezza Ribadendo «l’assoluta correttezza dell’operato dell’Azienda», UM sottolinea come «il sequestro a carico della Regione conferma quanto già dichiarato agli inizi della vicenda giudiziaria e cioè che le verifiche dell’Osservatorio nazionale sul trasporto pubblico locale hanno effetti sui rapporti finanziari tra Ministero e Regione e non ricadono dunque sui gestori dei servizi di trasporto, che vengono remunerati per l’attività svolta in base ad appositi contratti di servizio».

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

-->

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250