martedì 27 settembre 2016 - Aggiornato alle 03:53
3 agosto 2016 Ultimo aggiornamento alle 19:35

Incendi boschivi, accordo Regione-vigili del fuoco: tre squadre a vigilare 24 ore su 24

I gruppi specializzati di 5 persone dislocati a Perugia, Terni e Spoleto: ecco come funziona il piano in caso di minaccia ai centri abitati

Incendi boschivi, accordo Regione-vigili del fuoco: tre squadre a vigilare 24 ore su 24

Tre squadre, dislocate a Perugia, Terni e Spoleto, composte ognuna di cinque operatori (un qualificato di turno libero e quattro vigili permanenti di turno libero) e dotate degli automezzi e delle attrezzature necessarie per fronteggiare una eventuale emergenza. È uno degli effetti del protocollo operativo per il potenziamento stagionale dei dispositivi di prevenzione e lotta attiva contro gli incendi boschivi per l’anno 2016 firmati dall’assessore regionale Fernanda Cecchini, dal prefetto di Perugia, Raffaele Cannizzaro, e dal direttore regionale dei vigili del fuoco, Raffaele Ruggiero. «Soddisfazione – è stata espressa dal prefetto – per la continua e costante collaborazione che c’è in Umbria tra i vigili del fuoco e la Regione su molti temi che riguardano la vita quotidiana e la sicurezza dei cittadini nonché la protezione del territorio».

Il sistema anti-incendi «La Regione Umbria – spiega Cecchini – dispone di un sistema operativo organizzato con l’Agenzia forestale regionale (ex Comunità montane) e con il Corpo forestale dello Stato e l’impiego operativo della struttura del Corpo nazionale dei vigili del fuoco è previsto come attività integrativa e per questo viene istituito un servizio articolato in apposite squadre operative che garantiranno una veloce partecipazione alle attività necessarie per contrastare il fenomeno degli incendi boschivi che, a volte, rischiano di compromettere e distruggere il territorio agricolo e boschivo e dunque il paesaggio della nostra regione». «Nei casi in cui invece gli incendi dovessero minacciare centri abitati o infrastrutture e dunque mettere a rischio l’incolumità delle persone, – ha sottolineato Ruggiero – i vigili del fuoco assumeranno direttamente il coordinamento delle operazioni».

Task force Oltre alla composizione delle tre squadre – ha spiegato Ruggiero – «i rappresentanti dei vigili del fuoco parteciperanno anche all’attività della ‘Sala operativa unificata permanente (Soup)’. Nel momento in cui la situazione richiederà l’impiego di personale dei vigili del fuoco, i comandi provinciali provvederanno ad inviare sul luogo le squadre in base alle indicazioni fornite dalla Sala operativa o, nei periodi e negli orari di non operatività della Soup, dalla Centrale operativa antincendi boschivi (Cor)». Nel caso di incendi boschivi che, per estensione o pericolosità, minacciano di propagarsi a soprassuoli forestali dove sono prevalenti la salvaguardia di valori vegetazionali, ambientali e paesaggistici e insieme quelli caratterizzati da situazioni tipiche di interfaccia ed assumano particolare gravità o complessità, tali da richiedere contemporaneamente l’intervento sia del Corpo forestale che dei vigili del fuoco, il sistema si coordinerà per razionalizzare ed ottimizzare gli interventi di spegnimento collaborando per una efficace azione di lotta attiva in relazione alle specifiche professionalità, al fine di assicurare tutela delle persone e dei beni. Per garantire le comunicazioni tra sale operative e squadre operative, la Regione fornirà appositi apparati palmari e stazione fissa (per la sala operativa) sintonizzati sulla rete radio regionale. Il personale dei vigili del fuoco infine sarà coinvolto anche nelle attività di formazione ed informazione organizzate dalla Regione.

Finanziamento La convenzione prevede un costo a carico della regione di 138 mila euro che serviranno per il compenso del servizio svolto dal personale permanente libero dai turni ordinari, appositamente richiamato in servizio straordinario per la costituzione delle squadre, per prestare servizio presso la sala operativa, per il personale in possesso della qualifica di Dos (direttore operazioni spegnimento), nonché ai costi riferibili alla gestione dei mezzi e attrezzature, addestramento e logistiche dei Vigili del fuoco impegnati.

 

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250