venerdì 30 settembre 2016 - Aggiornato alle 06:55
8 luglio 2016 Ultimo aggiornamento alle 17:33

Inaugurato il museo del Grifo, Santopadre: «Ringrazio soprattutto i tifosi»

Il sindaco Romizi: «Iniziativa importante per l'identità della nostra città». Partita la campagna abbonamenti con la presentazione delle nuove maglie biancorosse

Inaugurato il  museo del Grifo, Santopadre: «Ringrazio soprattutto i tifosi»

di G.N.

Sorrisi, abbracci ma anche intensi momenti di commozione per il popolo del Grifo nel giorno dell’inaugurazione del primo museo della storia del Perugia calcio. «Voglio ringraziare i tifosi storici – ha esordito il presidente Massimiliano Santopadre – perchè grazie a loro siamo riusciti in questa opera straordinaria». Presentate anche le nuove maglie da gioco per la stagione 2016-2017

FOTOGALLERY: VIAGGIO NEL NUOVO MUSEO
VIDEO: PARLA IL DIRETTORE GENERALE

Perugia diventa eterna «Possiamo dire di avercela fatta con il contributo dei  vari Luca Chiavini, Claudio e Carlo Giulietti – ha aggiunto il presidente Santopadre – sono stati fondamentali nel reperire subito cimeli, maglie,e oggetti importantissimi. Grazie anche alla società del Perugia che nella sua storia ha conseguito risultati importantissimi. Io riesco a fare tutto, anche con qualche sacrifico di cessione. Da oggi Perugia diventa eterna, tra tanti anni si parlerà ancora del grifo grazie a questo museo».

VIDEO: PARLA SANTOPADRE
FOTOGALLERY: LE NUOVE MAGLIE DEL GRIFO

Lo stadio Presente anche il presidente della Lega di serie B Abodi: «Auspico che la prossima novità possa essere uno stadio senza barriere e che diventi ancora più accogliente e praticabile dalle famiglie. Qui a Perugia mi sento a casa mia». «Quando parla il presidente Abodi io lo ascolto con interesse, per gli interventi da fare allo  stadio dico  che io faccio tutto quello che posso e contuero su questa squadra anche a costo di fare sacrifici con qualche cessione»

Identità Il sindaco Andrea Romizi ha voluto sottolineare «l’importanza della struttura per rafforzare il senso di identità della nostra città». Non potevano mancare  tanti ex grifoni:  Castagner,  Vannini, Battistini e Camplone.

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250