mercoledì 28 settembre 2016 - Aggiornato alle 15:41
2 maggio 2016 Ultimo aggiornamento alle 18:16

Il sindaco: «Guardia alta contro droga e overdose, la malavita non può ancora fare affari a Perugia»

Intervento di Andrea Romizi dopo le morti sospette dei giorni scorsi. 'Non vanno sottovalutate, continua la battaglia contro lo spaccio'. La Lega Nord vuole incontrare prefetto e questore

Il sindaco: «Guardia alta contro droga e overdose, la malavita non può ancora fare affari a Perugia»
Andrea Romizi. Foto Fabrizio Troccoli

di En.Ber.

«Le morti per overdose che si sono susseguite in questi ultimi giorni non devono essere sottovalutate. Sono la dimostrazione che non possiamo abbassare la guardia, che la difficile lotta contro la droga deve continuare senza interruzione». Lo ha detto il sindaco di Perugia, Andrea Romizi. «La strada intrapresa mediante la collaborazione tra istituzioni, forze di polizia, associazioni e cittadini ha portato senza dubbio i suoi risultati – prosegue Romizi -. Sarebbe un grave errore, davanti a questi nuovi episodi di cronaca, voltare lo sguardo dall’altra parte. Dobbiamo trovare ancora maggior slancio per continuare nella direzione della legalità, per lavorare uniti, ognuno per le proprie competenze, puntando sia sulla repressione che sulla prevenzione, con l’obiettivo comune di non permettere che la malavita svolga i propri affari nella nostra città».

Incontro coi vertici Secondo il commissario cittadino della Lega Nord, Alessandro Tassi, «è tempo di fare un salto di qualità nel contrasto al degrado e alla criminalità. Nei prossimi giorni insieme al senatore Stefano Candiani e al capogruppo della Lega in consiglio comunale Michelangelo Felicioni incontreremo il prefetto, il questore e il sindaco. Questa situazione – conclude Tassi – è conseguenza diretta delle pesanti eredità delle giunte Locchi e Boccali che hanno attuato politiche di urbanistica e gestione fallimentare del territorio».

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

-->

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250