domenica 2 ottobre 2016 - Aggiornato alle 00:19
13 agosto 2016 Ultimo aggiornamento alle 18:36

Il Grifo in 10 elimina il titolato Carpi, serata magica per Bianchi: il Pagellone

La punta era data per partente, ora il club riuscirà a trattenere l'ex Torino? Zebli in forma campionato, Guberti scatenato nella ripresa

Il Grifo in 10 elimina il titolato Carpi, serata magica per Bianchi: il Pagellone
Mario Mariano

di Mario Mariano

Rolando Bianchi in 4 minuti colleziona due gol e costringe Colombi ad un miracolo: per quelle alchimie strane che possono accadere solo nel calcio, il Perugia in emergenza iniziale, gioca meglio dopo l’espulsione di Joss, creando occasioni a ripetizione. In ogni caso è l’ex Toro a incanalare la partita nel verso giusto. Scatenatissimo, come se vivesse una seconda giovinezza, Bianchi si prende una rivincita verso chi non lo considerava «utile al progetto». I cori dei tifosi per lui si sono sprecati e ora è chiaro che saranno esperiti tutti i tentativi per trattenerlo, quando era convinzione generale che si sarebbe accasato altrove. Bucchi ha rimediato in corsa, inserendo l’attaccante con la valigia dopo il gol di Comi e il cambio è stato davvero azzeccato: Bianchi, come morso dalla tarantola, ha messo il pepe a una partita che sembrava segnata, nonostante il Carpi fosse passato in vantaggio al primo vero tiro in porta. Una qualificazione importante per il morale, ma sopratutto per incrementare la campagna abbonamenti, che ora può decollare verso traguardi di numeri importanti.

La cronaca – Interviste

Perugia-Carpi merita di entrare nella storia, perché giocare in 10 contro una squadra con sacrosante ambizioni di tornare in serie A e avere il comando del gioco, seppure con una formazione di emergenza, non è che capiti spesso. Al tirar delle somme anche la decisione di Bucchi di togliere un terzino e inserire il solo attaccante di ruolo, a un quarto d’ora dalla fine si è rivelata azzeccata. Adesso sotto con il grifone genoano, ma quello che più convince di questo primo scorcio di stagione è l’assenza di proclami. Essere partiti con i fari spenti si sta rivelando una strategia vincente. E chissà che non sia una scelta dettata dalle delusioni degli ultimi finali di stagione.

Fotogallery

Rosati: Inoperoso nel primo tempo, onora la fascia di capitano predicando calma ai suoi dopo l’espulsione di Joss. Subisce il gol di Comi proprio mentre i compagni giocano meglio e creano di più. Voto: 6+

Imparato: Di grinta ne ha da vendere, ma quella a volte va messa da parte per privilegiare la tecnica, che nel suo caso è ancora da affinare. Conosce i suoi punti deboli e non si avventura in avanti. Voto: 6 (dal 30′ st Bianchi: appena entrato si vede respingere una deviazione aerea da Colombi. Poi non si ferma più, eroe per una serata magica o protagonista della stagione prossima fa venire? Voto: 8)

Volta: Non ancora al top della forma, altrimenti non sbaglierebbe appoggi facili, ma nei recuperi è sempre efficace. Impreparato sul gol di Comi, che stacca di testa senza che nessuno lo contrasti. Si riprende nel finale e Rosati non corre più pericoli. Voto: 6

Monaco: Belmonte ha forse intuito che potrebbe finire spesso in panchina e allora sembra intenzionato a fare la valigia lasciando via libera all’ex Arezzo, che ha un bel passo ma non ancora una completa intesa con Volta ed i compagni del reparto difensivo. Voto: 6.5

Chiosa: Qualche incursione e un paio di cross mal sfruttati da Zapata e Guberti nel primo tempo. Ancora più incisivo nella ripresa, si sdoppia e alla lunga è tra quelli che potrebbe giocare anche i supplementari. Voto: 6.5

Brighi: Meccanismi ancora da perfezionare specie con il rientro di Ricci, su di lui si punta per via del passato importante, ma quello da solo non basta. L’avvio è a rilento, ma la ripresa è impegnativa e il mestiere conta anche nel far rifiatare la squadra. Propositivo, capace di tenere in apprensione anche due, tre avversari per volta. Voto: 7-

Joss: Indisciplinato su tutto il fronte, quello del gioco è quello del comportamento. Corre a perdifiato e forse gli affanni contribuiscono a mandarlo in tilt sul finale del tempo quando sbraccia contro Lollo sotto gli occhi dell’arbitro. Voto: 4.5

Zebli: Da cursore a regista il passo è stato breve e il giovanotto se la cava con una personalità che cresce di partita in partita. Contrasti efficaci e lanci coraggiosi. Ripresa a ritmi elevatissimi, finisce stremato, ma è determinante la sua gagliardia fisica. Voto: 7+

Buonaiuto: Suoi i due gesti tecnici più validi della partita, rovesciata spettacolare e punizione dal limite che apprensione massima a Colombi. Non si nasconde nella ripresa, anche lui gioca con coraggio, con la forza della disperazione. Voto: 7

Zapata: Sovrastato fisicamente dai Vatussi della retroguardia del Carpi, parte come punta centrale, poi svaria sulle fasce. Partita di sacrificio. Voto: 6- (dal 21′ st Drolè: fallisce un gol, ma sembra avviato verso la forma migliore, anche se si è allenato poco. Voto: 6)

Guberti: Primo tempo con pochi spunti, ma ad inizio di ripresa è travolgente il suo scatto con cross annesso che Buonaiuto per poco non finalizza. Si ripete come se l’uomo in meno avesse fatto scattare una molla di non voler assolutamente perdere. Una ripresa al fulmicotone. Voto: 7.5 (dal 38′ st Di Chiara: debutto fortunato per l’ultimo acquisto. Voto: ng)

Bucchi: In emergenza per motivi assortiti – mercato e condizioni precarie di è in panchina – ma ai suoi trasmette coraggio al cospetto di un avversario titolato e ambizioso. Gli ordini dalla panchina sono secchi e non assillanti. Lascia perplessità assortite sul fatto che non schieri una punta di ruolo, ma poi le vicende della partita gli danno l’opportunità di intervenire in corsa. Stai a vedere che ha trovato qualche quadrifoglio sul capo perché anche contro l’Alessandria il …quadrifoglio era stato utile. Voto: 7

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250