lunedì 26 settembre 2016 - Aggiornato alle 14:16
23 settembre 2016 Ultimo aggiornamento alle 11:59

I tempi lunghi della maxi-inchiesta «Girasole»: la Procura di Perugia vuole processare i superstiti

Associazione mafiosa, riduzione in schiavitù e cocaina dalla Colombia. Nel 2009 erano 198 imputati, 11 sono morti. Dopo 29 udienze chieste al gup 5 condanne e 118 rinvii a giudizio

I tempi lunghi della maxi-inchiesta «Girasole»: la Procura di Perugia vuole processare i superstiti
Carabinieri (foto F.Troccoli)

di Enzo Beretta

La procura di Perugia ha chiesto di rinviare a giudizio 118 persone finite sotto inchiesta nell’ambito delle indagini «Girasole» e «Girasole 2» che avevano individuato una presunta organizzazione criminale dedita alla gestione e allo sfruttamento della prostituzione nei locali notturni. Si tratta di due indagini dei carabinieri del Ros iniziate, rispettivamente, nel 1999 e nel 2002, poi unificate dal pm Antonella Duchini della Direzione distrettuale antimafia.

I tempi della maxi-inchiesta La maxi-inchiesta si è conclusa nel 2009 e nelle carte dell’accusa erano elencati 198 nomi. Tra mille problemi l’udienza preliminare è iniziata nel 2012 e in cinque anni dinanzi al gup Alberto Avenoso si sono tenute 29 udienze. Enormi le difficoltà legate soprattutto ai problemi di notifiche agli imputati residenti all’estero. Non è stato possibile sentire in incidente probatorio un coimputato che in sede di indagine aveva collaborato con il Raggruppamento operativo speciale a causa di una patologia psichiatrica. Ora siamo alle battute conclusive e per i 123 imputati rimasti – undici sono morti, cinque hanno scelto di essere processati con rito abbreviato, altre posizioni sono state stralciate – è stata ribadita in aula la richiesta di rinvio a giudizio.

Ragazze dell’Est Secondo la ricostruzione degli inquirenti l’inchiesta «Girasole», chiamata con il nome del fiore, aveva permesso di smantellare un gruppo criminale composto da albanesi e da appartenenti alla mafia italiana dedito alla tratta internazionale di donne poi fatte prostituire nel circuito nei night-club. L’organizzazione, di tipo orizzontale, gestiva e sfruttava la prostituzione sulla strada ma anche in alcuni locali tra l’Umbria e il Lazio, senza tralasciare il narcotraffico: cocaina dalla Colombia e hashish dall’Albania. Il secondo filone, invece, aveva individuato interessi nel contrabbando internazionale di clandestini da paesi dell’Est europeo (nello specifico Ucraina e Russia) verso l’Italia e altri Stati come Portogallo, Francia e Germania.

Associazione mafiosa e riduzione in schiavitù I reati contestati a vario titolo riguardano l’associazione per delinquere di stampo mafioso, la riduzione in schiavitù e lo spaccio di droga. Sono invece già prescritti episodi di estorsione, associazione, falso e favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. Entro la fine di ottobre si conoscerà la decisione del giudice. Allarga le braccia sconsolata l’avvocato Cristina Zinci (difensore di una decina di imputati): «E’ un processo faticoso, la fine è ancora lontana».

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

-->

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250