venerdì 30 settembre 2016 - Aggiornato alle 20:35
15 luglio 2016 Ultimo aggiornamento alle 17:13

I socialisti Rometti e Nencini contro l’Italicum: «Legge elettorale da modificare, ecco la proposta»

Il leader nazionale accolto alle Tre Vaselle da iscritti e simpatizzanti. Il capogruppo in Consiglio regionale: «Problemi sono premio di maggioranza alla lista e i 100 capolista nominati»

I socialisti Rometti e Nencini contro l’Italicum: «Legge elettorale da modificare, ecco la proposta»
Riccardo Nencini e Silvano Rometti

Si sono riuniti giovedì 14 luglio a Torgiano i Socialisti umbri per discutere della proposta di modifica della Legge elettorale denominata Italicum. In una sala piena di iscritti, simpatizzanti e amministratori di tutta la Regione e alla presenza dei segretari di altre regioni italiane, il capogruppo socialista in Consiglio regionale Silvano Rometti e il segretario nazionale Riccardo Nencini, hanno affrontato il tema della giornata: la proposta di modifica della legge elettorale recentemente approvata dal Parlamento.

La legge contestata I nodi dell’attuale legge contestati da Rometti sono il premio di maggioranza alla lista e non alla coalizione, nonché i 100 capolista ‘nominati’. «A preoccupare maggiormente – ha spiegato Rometti – è proprio il premio di maggioranza al singolo partito o lista che potrebbe far sì che una singola forza, all’eventuale ballottaggio, con una percentuale del 25­30 per cento dei voti, possa raggiungere, attraverso determinati tecnicismi, la maggioranza assoluta dei parlamentari». Inoltre da un punto di vista politico questa legge divide la coalizione in vista del referendum ed è anche autolesionistica per la stessa coalizione, oltre che per il nostro Partito.

Parla il leader nazionale Nel suo intervento, il segretario nazionale Riccardo Nencini, dopo aver ricostruito i vari passaggi che hanno portato all’approvazione della legge, ha tenuto a sottolineare due elementi: il mutato scenario politico italiano che non è più bipolare ma ormai, con il consolidamento del Movimento 5 Stelle, tripolare; il fatto che sulla proposta di modifica della legge elettorale si stia creando un consenso abbastanza ampio, sia tra le forze politiche minori, sia all’interno della stesso Pd. «Su queste basi – spiegano dal Partito socialista – abbiamo presentato un disegno di legge, l’unico al momento depositato, con la richiesta di modifica dell’Italicum che abolisca il premio di maggioranza per la lista che riporta la maggior percentuale e assegnandolo alla coalizione». È questo, secondo Nencini, il punto nodale, «in grado di ristabilire – ha spiegato – un livello accettabile di rappresentatività degli elettori, evitando così l’astensionismo o, in una situazione socio­-economica come quella che l’Italia sta vivendo, il rischio di una virata netta dell’elettorato verso formazioni populiste che cavalcano la protesta e la delusione dei cittadini».

La proposta «Nei prossimi giorni – ha concluso Nencini – il Partito socialista si farà promotore di numerose iniziative in tutta Italia per illustrare la proposta di modifica della legge elettorale, ricordando che al momento l’unico disegno di legge presentato alla Camera sia quello del Psi, che rappresenta un atto concreto e non una mera dichiarazione d’intenti». Su questa battaglia Nencini ha ribadito che il Psi andrà fino in fondo, senza condizionamenti causati dalla propria partecipazione alla compagine di governo.

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250