giovedì 21 marzo - Aggiornato alle 06:40

Il vino secondo natura: in Umbria, ad inizio 2019, subito protagonisti i ‘Vini Veri’

L’omonimo Consorzio promuove l’evento all’Hotel Valle di Assisi e in anteprima la cena in abbinamento ai vini di alcuni tra i migliori vignaioli-produttori ‘naturali’ italiani e non solo

Consorzio Vini Veri (foto Pier Paolo Metelli)

di Danilo Nardoni

Tutti con la stessa sensibilità per il territorio. Tutti nel credere che la ricchezza che ci appartiene risiede in quello che ci è stato lasciato e in quanto saremo capaci di non dimenticarlo e di non farlo dimenticare alle generazioni future. Con lo spirito di sempre torna lo straordinario appuntamento, tra i più interessanti degli ultimi periodi per quanto riguarda il settore vitivinicolo, con i vini secondo natura facenti parte del Consorzio Vini Veri. Insomma, un “naturale” inizio d’anno quello in programma in Umbria. È in arrivo infatti la seconda edizione di Vini Veri Assisi che si svolgerà lunedì 14 gennaio dalle 10 alle 17 presso l’Hotel Valle di Assisi a Santa Maria degli Angeli. In anteprima, la sera di domenica 13 gennaio, sono in programma alcune cene in giro per alcuni dei ristoranti dell’Umbria sensibili al tema. Cene quindi in abbinamento ai vini di alcuni tra i migliori vignaioli-produttori ‘naturali’ italiani e non solo.

Viniveri Una giornata insomma con i produttori del Consorzio in una imperdibile anteprima per gli addetti del settore, enotecari, ristoratori, sommeliers e i tantissimi appassionati e curiosi del vino naturale del centro Italia. Evento che anticipa quindi la 16/a edizione di Viniveri, la più longeva manifestazione italiana dedicata ai vini naturali che si terrà come di consueto a Cerea (VR) dal 5 al 7 aprile 2019.

Le ‘regole’ Il vignaiolo che vuole far parte del Gruppo Viniveri deve applicare alcune regole sull’intero ciclo di produzione e su tutta l’attività aziendale. Quanto stabilito dal Consorzio non riguarda però la questione metodi ‘bio’ o ‘non bio’, ma indica semplicemente le azioni che permettono a una produzione di esprimersi pienamente e raggiungere l’obiettivo di ottenere un vino in assenza di accelerazioni e stabilizzazioni, recuperando il miglior equilibrio tra l’azione dell’uomo ed i cicli della natura. Questa, in sintesi, la finalità per cui il Gruppo Viniveri intende lavorare: aggregare chi dichiara il proprio processo di lavorazione nel rispetto di queste regole; stimolare la discussione tra produttori, scambiandosi esperienze e risultati raggiunti; ricercare il miglior equilibrio tra l’azione dell’uomo ed i cicli della natura; comunicare all’esterno filosofia e produttori che aderiscono.

Cene con vignaioli Nei vari ristoranti scelti, inoltre, si svolgeranno delle cene in abbinamento ai vari vini naturali protagonisti il giorno dopo ad Assisi ed in programma domenica 13 gennaio: Il Capanno di Spoleto (GIUSEPPE RINALDI, CN – FEUDO D’UGNI, PE – LA VISCIOLA, FR – CANTINA NINNI, PG); Cava di Spoleto (DE FERMO , PE – FATTORIE ROMEO CASTELLO , CT – PRINCIC DARIO , GO – LA COSTA, VI); Le Dodici Rondini di Foligno (RAINA, PG – ZIDARICH , TS – MATTONI VALTER, AP – LE CALLE, GR – ROTOLO GREGORIO, AQ); Re Tartù di Montefalco (CASE COSTE PIANE, TV – VODOPIVEC, TS – RIVELLA SERAFINO , CN – FERRANDES, TP); Mordecai Montefalco (CAMELI IRENE, AP – IL CENSO , PA – SIMONETTI CARLA, LI); Locanda del Teatro Montefalco (OLIVIER HORIOT, Champagne, Francia – CHRISTOPHE MIGNON, Champagne, Francia); L’Alchimista Montefalco (PRAESIDIUM, AQ – ALLEVI MARIA LETIZIA, AP – DIGIACOMI ALDO , AP – LAIOLO GUIDO REGININ, AT – CHARLOT PÈRE & FILS, Champagne, Francia); Bocci Roberto Enoteca di Ellera di Corciano (MASSETTI FRANCESCO, TE – CAROLINA GATTI, TV – CASCINA FORNACE, CN – PODERE LUISA, AR); San Giorgio Umbertide (CLARA MARCELLI, AP – RONCO SEVERO, UD – CASCINA DELLE ROSE, CN – PAOLO BEA, PG); La Fame Perugia (IL CENSO, PA – SLAVČEK, Slovenia – PIERINI & BRUGI, GR – DOMAINE DU TRAGINER, LANGUEDOC/ROUSSILLON, Francia); ed infine alla Società Anonima di Perugia (VALTER MLEČNIK, Slovenia – LA CASTELLADA, GO – ZIDARICH, TS), dove si “giocherà” sull’asse friulano – sloveno e i bicchieri si riempiranno di liquidi dalle tonalità oragne e ambra, figli di macerazioni sulle bucce che richiamano la tradizione di quei luoghi. Per info: www.viniveri.net.

I commenti sono chiusi.