Currently set to Index
Currently set to Follow
mercoledì 19 gennaio - Aggiornato alle 18:52

Una Suburbia dal gusto ‘nativo’: ora anche Birra Perugia produce con luppoli 100% Made in Umbria

Dopo altre esperienze come ‘Umbra’ e ‘Utopia’, anche il birrificio perugino con la sorprendente e seducente Native Hops IPA entra a far parte del progetto Luppolo Made in Italy

Suburbia Native Hops IPA

di Danilo Nardoni

Una birra che non stanca, di grandiosa beva e freschezza. Disponibile al momento in fusto e on tap in birrificio. In attesa di ulteriori sviluppi. Birra Perugia lo aveva annunciato a fine anno, ma ora finalmente prende corpo il primo step di un progetto a cui i tipi del birrificio perugino tengono molto: la Suburbia Native Hops IPA, prodotta con luppoli 100% Made in Umbria, è ora realtà: “Un primo passo che ci porterà verso nuovi orizzonti (e nuove birre), in un rapporto sempre più intimo con i prodotti locali”.

Luppolo Made in Umbria La questione dei luppoli sta particolarmente a cuore a Birra Perugia, per questo hanno salutato con entusiasmo la nascita e seguito con attenzione gli sviluppi del progetto Luppolo Made In Italy, nato e sviluppato a Città di Castello. E Birra Perugia arriva dopo altre precedenti esperienze come ‘Umbra’, la birra Pale Ale del Birrificio Altotevere prodotta con i luppoli di aziende biologiche locali, e ‘Utopia’, la Local Modern IPA di Mastri Birrai Umbri tutta con ingredienti della regione.

A breve la nuova birra “Siamo stati a vedere – raccontano da Birra Perugia -, abbiamo toccato con mano, assistito al raccolto e alla lavorazione del prodotto. Finalmente il primo risultato. Abbiamo deciso di procedere per gradi, inserendo i nuovi luppoli su una base già rodata da tempo (la Suburbia, appunto), per vedere lo scostamento aromatico e gustativo da quelli usati finora. Solo in un secondo momento, dopo aver visto ‘l’effetto che fa’, passeremo alla fase 2 che prevede la realizzazione di una birra originale e del tutto nuova”. Per la Suburbia Native Hops IPA sono stati usati luppoli Cascade e Chinook coltivati in Umbria e il risultato è sorprendente. Non c’è, ovviamente, l’impatto aromatico classico di queste varietà ma un profilo seducentemente territoriale, austero, rilassato ed elegante, oltre che delicatamente speziato.

I commenti sono chiusi.