mercoledì 17 luglio - Aggiornato alle 03:46

Semi di pomodoro, foglie di sedano, mandorle, rucola e parmigiano: nuovo eco-pesto inventato a Perugia

La squadra Gremlin composta da studenti dell’Università terzi a EcoTrophelia Italia con il pesto Comedus

Gremlin Team che si è classificato 3°

A Roma si è conclusa l’undicesima edizione di EcoTrophelia Italia, una competizione studentesca per l’ideazione di prototipi di alimenti innovativi sostenibili organizzata da Federalimentare: ha coinvolto 13 Università, 4 Istituti tecnici, oltre 60 squadre e più di 250 studenti. Al concorso hanno partecipato due squadre di studenti del corso di Laurea in Economia e Cultura dell’Alimentazione, Gremlin Team e Unidea, entrambe rientrate nelle prime sette a livello nazionale.

Pesto terzo La squadra Gremlin si è poi aggiudicata il terzo posto con Comedus, un pesto pronto all’uso a base di semi di pomodoro e foglie di sedano, con l’aggiunta di mandorle tostate, rucola e parmigiano. Si tratta di un prodotto crudo, lavorato a freddo in modo tale da poter conservare tutte le caratteristiche nutrizionali dei vari ingredienti. Un risultato lusinghiero quello ottenuto dagli studenti perugini e in linea con la tradizione del corso di Laurea: nel 2014 la squadra Natur’al top riuscì infatti a conquistare il primo premio gareggiando poi alla competizione europea al Salone Internazionale Sial di Parigi.

I commenti sono chiusi.