martedì 22 ottobre - Aggiornato alle 00:43

A Perugia c’è già ‘Fermentum’: aperte le spine delle birre artigianali e al via le iniziative del festival

Fino al 5 maggio degustazioni, conferenze, 20 birrifici, oltre 100 birre artigianali e la novità della lattinatrice. Il sindaco Romizi ha spillato la prima birra

Fermentum, il sindaco Romizi spilla la prima birra

di D.N.

Con l’apertura delle spine ha preso il via venerdì 3 maggio Fermentum Umbrae, il festival perugino delle birre artigianali. Fino al 5 maggio si prosegue nel complesso monumentale di San Pietro con venti birrifici italiani e stranieri, oltre 100 birre artigianali, tre pub coinvolti, nove workshop, due conferenze e la novità della lattinatrice. A spillare la prima birra è stato il sindaco Andrea Romizi, accompagnato dagli assessori Michele Fioroni e Cristina Bertinelli.

Birre e birrifici Fino a domenica, dalle 12 a mezzanotte, sarà così possibile accedere alla zona degustazione all’interno di San Pietro (in caso di pioggia, allestite area coperte), per testare le specialità dei mastri birrai ospiti della manifestazione, provenienti da tutta Italia, ma anche da Belgio, Germania e Inghilterra. Sono quindi iniziati gli assaggi dei fusti di Brasseria della Fonte (Toscana), Klanbarrique (Trentino), Bonavena Brewing (Campania), Ca del Brado (Emilia Romagna), Cane di Guerra (Piemonte), Croce di malto (Piemonte), Vetra (Lombardia), Hammer (Lombardia), Draco’s Cave (Lombardia), insieme agli umbri Birrificio Altotevere, Birra dell’Eremo e Birra Perugia. Oltre alle spine di Cantillon (Belgio), Brauerei Knoblach (Germania) e della londinese RedChurch. Coinvolti anche i pub di Perugia Quei bravi ragazzi, Elfo e Kosmo.

Iniziative In programma, a impreziosire la manifestazione che si avvale della collaborazione del Centro di ricerca per l’eccellenza della birra di Perugia, anche workshop e conferenze, con personalità di spicco e di fama internazionale, che racconteranno le loro esperienze professionali e di sperimentazione. Fermentum Umbrae, infine, non manca di stupire il suo pubblico con la novità di questa edizione: la possibilità, grazie a una esclusiva nazionale, di vedere all’opera una speciale “lattinatrice”, una macchina per il riempimento e la chiusura delle lattine, che consente di tornare a casa con la propria birra artigianale preferita direttamente in lattina. L’ingresso è gratuito e per accedere alle degustazioni sarà fornito uno starter pack, un pacchetto composto da bicchiere, portabicchiere e lista birre che comprende già due gettoni per le degustazioni.

I commenti sono chiusi.