Currently set to Index
Currently set to Follow
martedì 9 agosto - Aggiornato alle 00:46

Pampepato, delizia anche in estate: quello del forno Belli di Terni fa il giro del mondo

Attesi certificatori del Parco 3A per ottenere il marchio Igp, cinque sfornate da Natale ’21: dolce in Inghilterra, Spagna e Romania

di M.R.

I ternani lo hanno sperimentato nella colomba Pasquale, nella versione gelato, scomposto, rivisitato in chiave tiramisù e abbinato a vini liquorosi e amari, ma il grande classico della tradizione natalizia della città resta un must; a quanto pare anche in estate. Se la destagionalizzazione del dolce energetico e afrodisiaco è uno degli obiettivi che i produttori hanno condiviso in fase di iscrizione al registro europeo delle eccellenze Dop e Igp, forse il traguardo non è così lontano: in un’estate durente la quale i 40 gradi centigradi non sembrano più tanto eccezionali e rari, il forno Belli ha ordini perdiversi chili di Pampepato.

Pampepato di Terni La storica attività di Lucio Belli, che in piazza Dalmazia vanta un punto vendita da leccarsi i baffi facendo il giro del banco dal salato al dolce, ha confezionato proprio in queste roventi settimane, una quarantina di pezzi, volati in Inghilterra e in Romania. Regali che persone che vivono nella Conca sono liete di spedire a parenti e amici che gradiscono e apprezzano il Diamante delle terre di San Valentino. Lo scorso anno, nello stesso periodo, una ventina di pezzi di questa prelibatezza golosa sbarcarono anche a Maiorca. Ma in generale, emerge parlando col personale del panificio, il Pampepato ha mercato tutto l’anno tra i ternani.

Città di San Valentino Il forno Belli, dallo scorso Natale, ha preparato e sfornato teglie di questo dolce almeno altre cinque volte e non è escluso che un’altra sia vicina; del resto non manca molto a Ferragosto. La stessa ttività è in coda per sottoporsi al controllo dei certificatori del Parco 3A per la commercializzazione della versione Igp. Per le festività del prossimo dicembre dunque, in negozio sarà probabilmente disponibile anche la versione a marchio blu europeo dell’Indicazione geografica protetta, che consentirà a quel punto di esportare il nome della città di Terni in tutto al mondo, lasciando ai palati che avranno la fortuna di assaggiarlo, il sapore generoso del cioccolato, la croccantezza della frutta secca, la preziosità del mosto cotto e la vivacità di caffè e pepe nero.

I commenti sono chiusi.