lunedì 22 aprile - Aggiornato alle 14:11

‘Only wine festival’, la sesta edizione si avvicina: da Roma parte il conto alla rovescia. Vino e imprenditoria giovanile

Presentato nella capitale il Salone nazionale dei giovani produttori e delle piccole cantine che per il sesto anno tornerà a Città di Castello. Appuntamento il 27 e 28 aprile

Only wine festival, presentazione a Roma

di D.N.

E’ stata presentata a Roma, davanti ad una platea numerosissima di giornalisti ed esperti di settore, la sesta edizione di ‘Only wine festival’, il Salone Nazionale dei Giovani Produttori e delle Piccole Cantine, organizzato da Ac Company in collaborazione con AIS (Associazione Italiana Sommelier) a Città Di Castello ed in programma il 27 e il 28 aprile prossimi. La crescita esponenziale di questo format, nato dall’intuito del giovane imprenditore umbro Andrea Castellani, ha portato infatti il Festival ad uscire dai confini mediatici dell’Umbria e a suscitare perciò l’interesse della stampa nazionale ed internazionale per un evento dedicato non solo al vino ma anche e soprattutto all’imprenditoria giovanile.

Trasferta romana «Ci siamo resi conto, sei anni fa ormai, che nel panorama delle iniziative dedicate al vino in Italia, tantissime e di qualità, mancava una manifestazione dedicata ai giovani produttori – ha affermato Andrea Castellani – e da qui è nata la collaborazione con l’Associazione Italiana Sommelier che seleziona le 100 cantine protagoniste». Al suo fianco c’erano Riccardo Carletti, assessore al Commercio e al Turismo del Comune di Città di Castello; Sandro Camilli, presidente di AIS Umbria; Tiziana Croci, delegata AIS di Città di Castello; Chiara Giannotti, Wine and Food Writer e testimonial dell’edizione 2019. Non potevano mancare alcune aziende produttrici, in questo caso quelle del Lazio, tra i protagonisti del Festival, venute a portare la loro testimonianza con la loro storia e i loro vini: Le Macchie, Marco Muscari – Tomajoli; Emiliano Fini e San Vitis.

Format vincente «Only Wine Festival si conferma un format giusto che va a premiare i piccoli produttori, quelli che vogliono costruire una grande storia con un prodotto che ha già reso nota la nostra Nazione in tutto il mondo – ha affermato l’assessore Carletti – ma non solo. Manifestazioni come questa, che stanno diventando grandi, ci aiutano nel nostro sforzo di promuovere il turismo in un Paese che è pieno di bellissime città e di suggestivi scorci. Città di Castello sta vivendo di turismo e Only Wine Festival accende i riflettori sulle nostre bellezze».

Selezione cantine A Sandro Camilli, in rappresentanza dell’Associazione Italiana Sommelier, il compito di spiegare la scelta dei criteri di selezione delle cantine: «Ne saranno ancora una volta protagonisti i migliori 100 produttori under 40. La riconoscibilità e personalità dell’Only Wine Festival si ricollega anche ad altre ben precise caratteristiche, uniche in questo genere di eventi: ad essere coinvolte saranno anche quest’anno esclusivamente le case vinicole con meno di 15 anni di storia e le cantine fino a 7 ettari. A rispondere in prima persona della qualità dei loro vini saranno gli stessi produttori, che saranno sempre presenti ai banchi d’assaggio in entrambe le giornate».

Obiettivi Banchi d’assaggio con degustazioni libere, degustazioni guidate con i più rinomati e stimati sommelier, aree tematiche e tante tante curiosità nei palazzi del Centro Storico di Città di Castello. Sono solo alcuni degli elementi che arricchiranno anche quest’anno una manifestazione cresciuta moltissimo nel tempo. Oggi Only Wine Festival ha assunto sempre più il ruolo non solo di vetrina importante per il territorio (a cominciare dal fatto che i vini a cui è dato spazio sono prodotti da vitigni autoctoni rappresentativi del territorio stesso) ma anche, e soprattutto, di occasione per promuovere la cultura enoica a livello nazionale ed internazionale come autentica espressione delle eccellenze e del dinamismo che stanno caratterizzando sempre di più l’Italia dal punto di vista vitivinicolo. Only Wine Festival è anche una mostra mercato in cui è possibile acquistare singole bottiglie di vino dalle cantine e dai produttori presenti.

Degustazioni Anche quest’anno Only Wine Festival propone due modalità di degustazione e di approccio al mondo del vino. Degustazioni Libere: con un ticket da 25 euro, acquistabile in biglietteria (20 euro se acquistato sul sito), è possibile accedere a tutti i banchi d’assaggio ed ottenere un calice e porta bicchiere. L’ingresso alla manifestazione senza ticket degustazione è di euro 10 per persona. Degustazioni Guidate: opzionalmente è possibile acquistare direttamente sul sito web della manifestazione il ticket per le degustazioni guidate dai migliori sommelier d’Italia e del Mondo, come Luca Martini (Migliore Sommelier del Mondo 2013), Roberto Anesi (Miglior Sommelier d’Italia 2017), Maurizio Dante Filippi (Migliore Sommelier d’Italia 2016), Andrea Galanti (Migliore Sommelier d’Italia 2015). I “maestri” del vino guideranno i partecipanti in un percorso emozionante e indimenticabile alla scoperta di qualità, equilibrio, competenza, passione, impegno e determinazione che sono l’essenza dei vini proposti.

Speed Wine Sono corsi smart della durata di circa mezz’ora che intendono, in pochi essenziali passi, fornire all’appassionato di vino le regole fondamentali per fare della degustazione un momento di consapevolezza e di piacere. Gli Speed Wine saranno, dunque, incontri preliminari alle degustazioni, che si terranno ad orari prestabiliti e su prenotazione. Una volta partecipato al corso, il visitatore sarà pronto per scegliere e gustare al meglio i vini presenti in totale libertà.

Novità Only Wine Festival comprende alcune aree tematiche come l’Area Only Wine Rosè (a cura di Francesco Saverio Russo) e l’area Only Wine International (a cura di Luca Martini), dedicata ad una selezione dei giovani produttori e piccole cantine del mondo. L’edizione 2019 di Only Wine International vedrà come protagonisti i vini della Champagne, della Borgogna, della Mosella, della Spagna, della Georgia e della Croazia.

Area Umbria Non mancherà un’area riservata a produttori della regione Umbria con l’obiettivo di presentare al pubblico la realtà vitivinicola regionale: è il contributo di Only Wine Festival alla valorizzazione e promozione del territorio e dei produttori umbri.

I commenti sono chiusi.