Currently set to Index
Currently set to Follow
domenica 11 aprile - Aggiornato alle 23:22

Lady Chef Umbria 2021 è Giuseppina Mariotti grazie al Pomodoro: «Il futuro della cucina è donna»

La finale regionale dell’Unione regionale cuochi, ospitata nella nuova sede dell’Università dei Sapori, ha visto la vittoria della responsabile del Ristorante Il Casale di Paciano

Giuseppina Mariotti, Lady Chef Umbria 2021

di D.N.

Degli chef stellati, in tutto il mondo, appena sopra il 4% sono donne. Ma in Italia questa percentuale si alza e anche il futuro della ristorazione sembra colorarsi sempre più di rosa. Le donne già stellate o vicine alla meta sono in continua crescita. Il messaggio è chiaro: il futuro della cucina è donna. E a ribadirlo arriva anche il concorso Lady Chef. Con la vittoria della Chef Giuseppina Mariotti del Ristorante Il Casale di Paciano si è conclusa la finale regionale per la selezione di Lady Chef Umbria 2021, ospitata per l’occasione nella nuova sede di Perugia di Università dei Sapori. Evento organizzato, in sicurezza seguendo i protocolli Anti Covid 19, da Unione Regionale Cuochi Umbria, con Sodalizio Lady Chef e Federazione Italiana Cuochi, ha visto le Chef partecipanti sfidarsi sul tema “Utilizzo del Pomodoro nella cucina regionale dell’Umbria”, grazie alla presenza dello sponsor Cirio Alta Cucina. La vincitrice rappresenterà l’U.R.C.U. al 1° Trofeo Migliore Professionista Lady Chef nazionale.

Giuria e lady chef La giuria che ha valutato i lavori delle Chef era composta dalla Coordinatrice Nazionale delle Lady Chef Alessandra Baruzzi, dalla presidente Regionale Lady Chef Gianna Fanfano, dal Team Manager della Squadra Umbra Antonio Falcone e dagli Chef Angelo D’Acquisto e Francesco Favorito; presenti anche i presidenti dell’Associazione Provinciale Cuochi Perugia Giancarlo Passeri e dell’Associazione Provinciale Cuochi Terni Carlo Ghista. Oltre alla vincitrice, hanno presentato le proprie creazioni culinarie dedicate all’Umbria e alle sue ricchezze agroalimentari in abbinamento con il sapore dolce e acidulo tipico del pomodoro italiano, anche Anna Rita Lombardi del Ristorante Le Scalette di Todi, Cinzia Frosoni del Resort Valle Antica di San Gemini e, la più giovane, Michela Lo Pinto del Ristorante La Rocca di Narni.

Futuro cucina è donna Alla domanda su come e perché hanno iniziato la propria carriera da professioniste, tutte hanno risposto che la passione per la cucina, da una prima curiosità iniziale, si è tramutata in vero amore e non hanno potuto poi più vivere senza fuochi e padelle, ovviamente una storia d’amore non priva di tanti sacrifici e tanto impegno. Oggi, infatti, un quarto delle imprese italiane sono ‘rosa’, ovvero un milione e quattrocentomila donne hanno scelto di aprire un’attività propria, mettendo in gioco se stesse; questo dato si conferma anche nel settore della ristorazione ed anche all’interno della regione Umbria. La crescente affermazione di imprenditrici, il loro apporto di idee e di proposte possono contribuire ad una svolta in grado di aprire al settore prospettive nuove e più incoraggianti anche dopo questo difficile momento che a causa della pandemia da Covid 19 sta attraversando il settore. La forte presenza di microimprese che contraddistingue il mercato della ristorazione fa sì che le donne imprenditrici uniscano in sé anche la dimensione professionale essendo coinvolte in prima persona nella attività lavorativa. A completare il quadro del lavoro femminile possiamo registrare anche il crescente incremento su base nazionale e regionale di lavoratrici dipendenti, non solo nel settore specifico della ristorazione, ma anche in quelli della pasticceria, della gelateria, del bar e della sala, delle arti bianche e più in generale della accoglienza turistica.

Formazione “Ed è in quest’ottica che l’Università dei Sapori – dice il presidente Dottor Stefano Lupi – intende favorire processi che mettono la donna al centro di azioni formative o altre iniziative virtuose come questa del partner URCU (Unione Regionale Cuochi Umbri) aderente alla Federazione Italiana Cuochi. Ospitare quindi la selezione regionale del concorso Lady Chef è per noi un piacere ed un dovere verso tutte le donne protagoniste del mondo della cucina professionale”.

I commenti sono chiusi.