Currently set to Index
Currently set to Follow
giovedì 21 ottobre - Aggiornato alle 17:22

I Lakota Sioux incontrano i bisonti di Massimiliano Gatti: l’allevamento umbro protagonista anche a ‘I Primi d’Italia

Il Riso nero Venere con tartare di Bisonte inaugurerà la kermesse gastronomica di Foligno. Successivamente una delegazione del popolo dei nativi americani sarà a Panicale

Massimiliano Gatti insieme ai suoi Bisonti

di Dan. Nar.

Sua Maestà il Bisonte sarà protagonista a ‘I Primi d’Italia’. Giovedì 23 settembre alle ore 17 una particolare iniziativa, con la realizzazione di un primo piatto ricco di gusto, inserita nel programma della XXII edizione della kermesse gastronomica di Foligno (23-26 settembre). Ma per l’allevamento di bisonti di Massimiliano Gatti, unico a livello nazionale, le novità non finiscono qua. Sabato 9 ottobre, una delegazione del popolo dei nativi americani Lakota visiterà l’allevamento a Olmini di Panicale, sul Lago Trasimeno.

Tartare di bisonte Nella splendida cornice di Palazzo Trinci il 23 settembre verrà presentato un piatto raffinato e originale: ‘Riso nero Venere con tartare di Bisonte, germogli di fieno, stracciatella e pomodorini infornati’. Lo Chef del Festival Nazionale dei Primi Piatti illustrerà al pubblico tutti i segreti per creare una ricetta dal gusto complesso ed equilibrato grazie a una materia prima di qualità senza confronti. La carne di bisonte dell’allevamento ‘Carni Pregiate’ di Massimiliano Gatti mostra così tutta la sua versatilità.

Carni pregiate «Ho voluto dedicarmi all’allevamento di bisonti – spiega Gatti – in parte per il grande amore che nutro per questi eccezionali animali e in parte per offrire al mercato un prodotto buono, tenero e salutare, che contiene più nutrienti, ferro e pochissimi grassi, rispetto alla carne bovina. Amiamo e rispettiamo i nostri animali e puntiamo ad un allevamento che sia in armonia con l’ambiente e con gli animali stessi. Ci prendiamo cura di loro con dedizione e per questo siamo felici di poter partecipare a I Primi d’Italia con questa ricetta. Il Festival è un evento di portata nazionale che da oltre vent’anni parla al alto livello di cultura alimentare, sia tradizionale che innovativa, e questo è quello che facciamo anche noi con un prodotto di qualità indiscussa». Dalle praterie americane e dalle campagne di Panicale, Sua Maestà il Bisonte è quindi pronto ad arrivare a Foligno e a conquistare il pubblico de ‘I Primi d’Italia’.

Visita dei Lakota L’allevamento di Massimiliano Gatti si trova ad Olmini di Panicale. È un allevamento senza eguali in Italia, tanto da essere stato riconosciuto anche dalla tribù nativo americana dei Lakota come punto di riferimento per la loro cultura e religione. Ecco allora che Sabato 9 ottobre, una delegazione del popolo dei nativi americani Lakota visiterà l’allevamento. Si tratterà di un evento eccezionale, parte di un più ampio programma che vede annualmente i Lakota presenti in Italia, e che ha come protagonista il legame ancestrale tra uomo e bisonte, animale sacro della spiritualità Lakota Sioux. Sarà un’occasione unica per visitare l’allevamento umbro e incontrare i delegati del Rosebud Sioux Tribe Tribal Council e del governo Tradizionale Lakota Sioux dei “sette fuochi” o “Oceti Sakowin”. L’evento inizierà alle 10.30 con l’emozionante cerimonia di preghiera al Bisonte.

Valori dei Nativi americani «La nostra filosofia d’impresa e di allevamento – spiega ancora Gatti – si basa sui valori dei Nativi Americani. Il rispetto, l’amore per la natura e il suo ecosistema, sono i principi fondamentali del nostro lavoro quotidiano. Il Bisonte, per noi è vita: il consumo della sua carne è strettamente legato al sostentamento dell’uomo e ogni parte proveniente dal suo sacrificio (ossa, corna, pelli, lana), deve essere utilizzata per onorarlo. Per questo motivo abbiamo utilizzato tutti i doni dell’animale, compresi quelli utili alla creazione di capi d’abbigliamento eterni e di altri oggetti importanti per la sopravvivenza dell’uomo. In questo modo proponiamo un tipo di consumo antico, volto a stimolare la consapevolezza di ciò che possediamo; ogni oggetto generato dal sacrificio del Bisonte può parlarci: “questo bisonte ti ha alimentato e nutrito e noi non possiamo che essergli infinitamente grati”. Una celebrazione dell’indissolubile legame tra Terra, Uomo e Natura. È quindi un grande onore per noi che la delegazione Lakota abbia riconosciuto la nostra filosofia e ci renda partecipi di questo importantissimo momento religioso e culturale».

Convegno e pranzo Durante l’incontro, si terrà anche uno speciale convegno sul “Rapporto ancestrale tra Uomo e Bisonte”. All’evento parteciperanno, fra gli altri, il Prof. Alessandro Martire, il delegato in Italia e presso l’Alto Commissariato dei Diritti dell’Uomo di Ginevra, della Nazione Lakota Sioux e il sig. Moses Brings Plenty, celebre attore Nativo Americano, che ha recitato nei film Hidalgo, Pirati dei Caraibi, e nella recente serie Yellowstone. L’accesso all’evento è disponibile solo su prenotazione online. Con Moses Brings Plenty saranno presenti la Signora Sara Ann Brings Plenty, Il Sig Laravie Steve della nazione Santee – Dakota, oltre a tre delegati del Lakota Youth Development (organizzazione culturale di Rosebud) con La Signora Marla Bull Bear, Il Sig Charlie Bull Bear ed il Sig Wayne Weston rispettivamente direttrice del Lakota Youth development, Insegnante tradizionalista e “ Wicasa Itancan” cioè Leader del Lakota Youth development e della Comunità di “Milk Camp” all’interno della Riserva di Rosebud Stato Americano del Sud Dakota, Il Sig Weston è un insegnante tradizionalista Componente della Tokal Akicita Okolakiciye (cioè la società guerriera delle piccole volpi), La delegazione guidata dal Sig Royal Yellow Hawk che è stato Componente del Consiglio tribale di Rosebud e attualmente Componente del Lakota Treaty Council. Il programma completo delle celebrazioni di ottobre 2021 è disponibile su www.wolakota.it. Dopo la cerimonia e il convegno sarà possibile partecipare al pranzo a base di Bisonte con la delegazione Lakota, anche questo disponibile su prenotazione fino a esaurimento posti: www.carnipregiate.it

I commenti sono chiusi.