martedì 24 ottobre - Aggiornato alle 11:46

‘Frantoi aperti’ in Umbria compie venti anni: 5 weekend insieme all’olio extravergine d’oliva

Tra passeggiate, degustazioni e attività culturali, cuore dell’evento sarà il frantoio dove vivere l’esperienza della spremitura a contatto con i produttori

Frantoi aperti (foto Pier Paolo Metelli)

di Dan. Nar.

In Umbria l’autunno regala sempre grandi emozioni. Ma per scovarle bisogna senz’altro seguire la scia, il profumo e il sapore dell’olio. E per il ventennale di ‘Frantoi Aperti in Umbria’ l’occasione è più che ghiotta. Dal 28 ottobre al 26 novembre si terrà la 20/a edizione della manifestazione, un evento che valorizza l’Umbria rurale, i borghi ad alta vocazione olivicola, i produttori di olio e l’Olio Extravergine di Oliva Dop Umbria, proprio durante il periodo della frangitura delle olive.

Cinque week end Frantoi Aperti porterà, come ogni anno, nella nostra regione migliaia di appassionati gourmet per ben 5 weekend dedicati all’Olio Extravergine di Oliva (dal 28 ottobre al 1° novembre, 4-5 novembre, 11-12 novembre, 18-19 novembre e 25-26 novembre), durante i quali nei piccoli borghi medievali aderenti all’iniziativa sarà possibile degustare i tanti prodotti agroalimentari di qualità tra cui l’olio extravergine di oliva appena franto, partecipare a vere e proprie scuole di assaggio di olio, partecipare a visite guidate, a trekking tra gli ulivi, alla raccolta delle olive e a molte altre attività per grandi e piccini. Nelle città aderenti, infatti, non mancheranno appuntamenti musicali e concerti; attività ludiche e di intrattenimento rivolte ai più piccoli; servizi navetta gratuiti che dai centri storici porteranno i visitatori nei frantoi, degustazioni d’olio, passeggiate in bicicletta, fattorie didattiche, trekking tra gli ulivi, visite ai palazzi storici e mercatini agroalimentari di prodotti tipici dell’Umbria.

Trenta frantoi aderenti Cuore dell’evento saranno gli oltre 30 Frantoi aderenti all’iniziativa, luoghi d’incontro e di socializzazione, collegati per l’occasione ai borghi aderenti da un servizio gratuito di navette. La visita ai frantoi consentirà al visitatore di respirarne appieno l’atmosfera, assistendo, grazie all’accoglienza e alla guida del frantoiano, alla spremitura delle olive, riscaldandosi davanti al fuoco del camino, apprezzando, con le degustazioni accompagnate da pane bruscato e vino, le caratteristiche dell’olio nuovo e partecipando alle tante iniziative da loro organizzate. Nei Frantoi Aperti non mancheranno, infatti, concerti, cooking show, la raccolta delle olive per i visitatori e i trekking tra gli ulivi.

Fascia olivata L’Umbria è una regione quasi interamente segnata dalla presenza dell’olivo soprattutto nella zona che va da Assisi a Spoleto in cui ci sono trentacinque chilometri lineari di collina segnati dagli oliveti che, nel loro svilupparsi, collegano perle architettoniche, storiche e artistiche tra le più belle del mondo. Per difendere e valorizzare le peculiarità di questa “Fascia Olivata”, sei comuni – Spoleto, Trevi, Assisi, Spello, Foligno e Campello sul Clitunno – che partecipano da anni ed anzi, sono promotori di Frantoi Aperti, si sono riuniti per muoversi, insieme, su varie direttive: l’iscrizione di questo paesaggio nel registro dei paesaggi rurali italiani con il Ministero dell’Agricoltura attraverso “le Città dell’Olio”, ormai in dirittura di arrivo. È stata richiesta poi l’iscrizione nei paesaggi alimentari FAO e già una delegazione internazionale ha visitato ed ha incoraggiato ad andare avanti, inoltre la fascia Olivata verrà proposta per la candidatura Unesco. Al centro della tutela degli olivi della Fascia non c’è l’olio, la “produzione” nel suo aspetto puramente economico, ma il paesaggio, ovvero “l’identità” culturale complessiva delle attività umane sul territorio. Una scelta non solo valoriale, ma anche d’intelligenza politica, che ha permesso di raccogliere sulle iniziative di tutela il più ampio consenso possibile. Il paesaggio è un valore e se verranno premiati gli sforzi dei comuni, la Fascia Olivata Spoleto-Assisi sarà il primo territorio riconosciuto come Paesaggio alimentare FAO in Europa. Un patrimonio italiano da difendere perché è la nostra identità e la nostra realtà e bisogna fare in modo che questo paesaggio abbia la capacità di produrre economia.

Info Per maggiori informazioni su Frantoi Aperti e per i programmi di ogni città e frantoio aderente: www.frantoiaperti.net, [email protected], Tel. 0742 332269.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *