domenica 21 aprile - Aggiornato alle 16:17

Frantoi aperti in Umbria: il racconto dell’olio extravergine di oliva dai pionieri alle nuove realtà, guardando al futuro

Ventesima edizione della manifestazione con numerose attività in programma per un mese in 12 comuni e 33 frantoi: si riflettere anche sul settore

Frantoi aperti

di Danilo Nardoni

Quest’anno la produzione di olio non sarà molta. La qualità al contrario sarà altissima. Si parla dell’olio migliore degli ultimi 15 anni. Parte quindi con il piede giusto Frantoi Aperti in Umbria (28 ottobre – 26 novembre). Condizioni ideali per celebrare al meglio, e per un mese, la produzione dell’olio extravergine di oliva Dop Umbria nell’edizione dei 20 anni della manifestazione. Dodici comuni coinvolti, 33 frantoi aderenti e centinaia di eventi.

Umbria più autentica Raccontare l’olio significa raccontare l’Umbria più autentica, la sua vera anima. Per questo i protagonisti saranno soprattutto i frantoi, da quelli pionieristici che hanno fatto la storia ai nuovi che iniziano la loro attività quest’anno. Attenzione particolare sarà data a questi ultimi, non per dimenticare chi ha puntato ad una trasformazione tanti anni fa, quando questi luoghi erano solo spazi in cui non si poteva neanche entrare, ma per evidenziare un mondo in fermento, dinamico e in grande cambiamento. Ma l’edizione dei 20 anni di Frantoi Aperte serve anche per riflettere su quello che è stato, quello che è oggi e quello che vuole essere il mondo regionale dell’olio anche alla luce del piano nazionale olivicolo ed anche per rispondere al vero problema, ovvero ad una domanda superiore all’offerta. L’Umbria è stata la prima regione ad avere la Dop nazionale per valorizzare l’olio, con Frantoi Aperti che è marchio della Regione Umbria. Regione che quindi ha creduto prima di altri su questa eccellenza ma se non vuole ora perdere il vantaggio accumulato deve puntare di più su questo prodotto tipico della sua terra, al momento lasciato purtroppo ancora un passo indietro rispetto al vino.

Nuove realtà Anche di questo, inevitabilmente, si è parlato alla presentazione dell’evento che quest’anno si è svolta nel nuovo spazio gastronomico Società Anonima di Perugia. E proprio qui si terrà giovedì 19 ottobre un appuntamento rivolto al pubblico, che anticipa l’apertura di Frantoi Aperti, dal titolo ‘Aperitivo con scarpetta’ dalle ore 19. Interverrà Giulio Scatolini (APROL Umbria) che guiderà la degustazione degli oli di alcuni dei frantoi aderenti a Frantoi Aperti. Ad aprire invece la conferenza stampa è stato Paolo Morbidoni, presidente della Strada olio Dop Umbria, che ha parlato di Frantoi Aperti come di una opportunità unica di presentare e far conoscere l’Umbria legata all’olio ed al paesaggio olivicolo. «Venti anni di Frantoi Aperti in Umbria – ha detto Morbidoni – non sono soltanto una matura e riuscita esperienza di marketing territoriale che ha, per molti aspetti, anticipato un modo diffuso – oggi – di promuovere il prodotto tipico, ma è un formidabile propagatore di talenti, di cultura e di amore per una terra che spesso rende la vita difficile a chi la vive e la lavora, ma offre in cambio frutti straordinari, a cui ci si lega profondamente. Portando alla luce e rendendo sempre più fruibile questo giacimento di “saperi” e di “sapori” unici si può veramente pensare ad un modello alternativo di vita e di lavoro, che può offrire a tanti giovani opportunità, fino a qualche anno fa, impensabili. Per tale ragione – ha aggiunto Morbidoni – abbiamo anche voluto evidenziare la partecipazione a Frantoi Aperti, di due nuove realtà, due modernissimi frantoi, il Frantoio Filippi di Giano dell’Umbria e il Frantoio Silvestri di Gualdo Cattaneo. Non per dimenticare i frantoi pionieri di questo evento ed ancora fedeli sostenitori, ma perchè questo è un segnale per il futuro, in un momento in cui i giovani partono dall’Italia in cerca di lavoro, dei giovani in Umbria, investono nel mondo dell’olio». Morbidoni ha poi voluto ringraziare coloro che fin dal principio hanno “azzardato” per dare vita al progetto di Frantoi Aperti (tra i presenti alla conferenza anche Giuseppe Natale CIA Confederazione Italiana Agricoltori), i Comuni ed i frantoi partecipanti. Ad intervenire poi i rappresentanti di alcuni dei comuni aderenti, che hanno presentato i programmi degli eventi organizzati nei 5 fine settimana di Frantoi Aperti nelle varie città: Elisa Benvenuta, vicesindaco del Comune di Gualdo Cattaneo, Eugenio Guarducci, assessore alla cultura del Comune di Assisi, Bernardino Sperandio, sindaco del Comune di Trevi, Vincenza Campagnani, assessore all’Ambiente del Comune di Spoleto ed Ezio Palini per il Comune di Foligno.

Comuni aderenti L’iniziativa organizzata dall’Associazione Strada dell’Olio Extravergine di Oliva Dop Umbria, che celebra la produzione dell’olio Dop Umbria, valorizza nel contempo il turismo rurale e i borghi medioevali umbri, che questo anno sono: Assisi (28 ottobre – 1° novembre ‘UNTO Unesco, Natura, Territorio, Olio in Assisi’ / 4-26 novembre nei castelli del territorio), Campello sul Clitunno (5 novembre ‘Festa dei Frantoi’), Castel Ritaldi (12 novembre ‘Frantotipico’), Foligno (29 ottobre ‘Camminata tra gli Ulivi’ e dal 3 al 5 novembre ‘Autunno a Foligno – Frantoi Aperti e Miele in Umbria’), Giano dell’Umbria (28 e 29 ottobre ‘La Mangiaunta’ XIII edizione / 25 e 26 novembre ‘Rievocazione della Festa della Frasca’), Gualdo Cattaneo (dal 3 al 5 novembre ‘Sapere di Pane Sapore di Olio –Bianco e verde tra i castelli’), Passignano sul Trasimeno e Tuoro sul Trasimeno (dal 10 al 12 novembre ‘Oliamo e i Sapori d’autunno’), Spello (dal 17 al 19 novembre L’Oro di Spello – 56^ Festa dell’Olivo e Sagra della Bruschetta), Spoleto ( 29 e 31 ottobre e 1 novembre Frantoi Aperti a Spoleto), Trevi (28 e 29 ottobre Festivol, Trevi tra olio arte musica e papille). A chiudere con la Benfinita dei 20 anni di Frantoi Aperti sarà la Festa dell’olio a Castiglione del Lago dal 1° al 3 dicembre.

Iniziative Nelle città aderenti si snoderanno iniziative durante i 5 fine settimana di Frantoi Aperti: feste tradizionali, appuntamenti musicali, attività rivolte ai più piccoli, servizi navetta gratuiti che dai centri storici porteranno i visitatori nei frantoi, passeggiate tra gli ulivi, visite ai palazzi storici e mercatini agroalimentari di prodotti tipici dell’Umbria (per i programmi di ogni città www.frantoiaperti.net ) e degustazioni d’olio gratuite guidate da esperti assaggiatori a cura delle organizzazioni di categoria: CIA, Coldiretti e Confagricoltura. Una delle novità di quest’anno è Il pranzo al castello; infatti sabato 28 e domenica 29 ottobre a Giano dell’Umbria, c’è un tour dei castelli sconosciuti del territorio, disseminati tra gli ulivi: Castagnola, Giano e Montecchio. Ad ogni visita, una portata, dall’antipasto al dolce in castello .

Frantoi Come ogni anno, da venti anni, il Frantoio, oltre che luogo di lavoro dove assistere alla spremitura delle olive e degustare l’olio appena franto, è anche uno spazio di incontro e di socializzazione, dove respirare il calore di un’atmosfera e un’accoglienza quasi familiare. Quest’anno, oltre a vedere riconfermata l’adesione dei tanti frantoi già partecipanti negli anni passati, si evidenziano due nuove interessantissime realtà sorte nel cuore della terra del sagrantino che apriranno le loro porte proprio in occasione dei 20 anni di Frantoi Aperti: una, il Frantoio Filippi di Giano dell’Umbria, che punta sull’innovazione, l’altra, il Frantoio Silvestri, legata invece alla tradizione. Il Frantoio Filippi è situato in una frazione di Giano dell’Umbria, non distante dal Castello di Morcicchia, la terra della cultivar San Felice, un luogo molto suggestivo dal punto di vista paesaggistico; circondato da un paesaggio tipico collinare, sorge appunto un frantoio modernissimo, innovativo, con una particolare attenzione all’arredamento sia del Frantoio sia dello show room. Il Frantoio Silvestri di Gualdo Cattaneo ha una lunga tradizione familiare. Leonardo Perugini, l’attuale proprietario, ha acquisito il frantoio da suo nonno e l’ha completamente rinnovato. Dal vecchio frantoio a presse, si è passati ad un Frantoio Pieralisi con gramole Molinova serie oro automatico, con possibilità di lavaggio di tutto il circuito ad ogni frangitura, lavorazione a due fasi senza aggiunta di acqua. Il nuovo impianto con la sala degustazione verrà inaugurato domenica 22 ottobre.

Collaborazioni e info Anche quest’anno Frantoi Aperti rinnova la collaborazione con la Strada dell’Olio Dop Umbria, il Coordinamento delle Strade dei vini e dell’olio dell’Umbria e il Movimento Turismo del Vino Umbria, grazie alla quale, per il fine settimana dell’11 e 12 novembre, in occasione di “S. Martino in cantina” verranno proposti degli itinerari ad hoc tra cantine e frantoi con l’obiettivo della promozione congiunta delle due principali eccellenze enogastronomiche del territorio. Per maggiori informazioni su Frantoi Aperti: [email protected] – www.frantoiaperti.net – Tel. 0742 332269.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.