giovedì 20 settembre - Aggiornato alle 23:46

Festa della cipolla, in cucina c’è Vissani: cipolla al gratin, cotoletta con cipolla bruciata, involtino di pollo papaya e cipolla

Al Cortile Antico la firma dello chef umbro, ma anche negli altri stand tante proposte culinarie interessanti e gastronomia di qualità. Si va avanti fino a domenica 16 settembre

Cotoletta alla milanese con cipolla bruciata, piatto di Vissani a Cannara

di D.N.

Gli stand pieni di avventori per gustare la cipolla, il cui profumo si sente già arrivando alle porte del borgo, mentre le cucine brulicano di volontari che lavorano per rendere il miglior servizio possibile. Fa già registrare numeri importanti e una macchina organizzativa ben oleata la 38/a Festa della cipolla di Cannara. Dopo le prime serate, sono ora in corso gli appuntamenti del weekend, fino a domenica 9 settembre, e poi ancora da martedì 11 a domenica 16. Dalle cucine ce n’è per tutti gusti, compresa la proposta firmata dallo chef stellato Gianfranco Vissani Al Cortile Antico, a cui si aggiunge quella degli altri stand, Il Rifugio del cacciatore, La taverna del castello, Il Giardino fiorito, El Cipollaro e La Locanda del curato. E come sempre un intero paese è all’opera per accogliere i visitatori, con i negozi e le attività commerciali agghindati a tema e le serrande alzate fino a tardi.

I piatti di Vissani E proprio Vissani racconta l’esperienza nella cucina in taverna. «C’è un ristorante alla carta – dice lo chef umbro – con dei piatti meravigliosi. Sono arrivati sei cuochi da diverse parti d’Italia per cucinare, sono contento di quello che sto facendo, sono orgoglioso di stare a Cannara. La cipolla di Cannara è di oro, è piatta, dolce e noi cerchiamo di portare dei risultati. Abbiamo fatto la cipolla al gratin, la cotoletta alla milanese con la cipolla bruciata, il gulash, meraviglioso, e l’involtino di pollo con papaya e cipolla».

Stand pieni «Siamo partiti molto bene, alla grande – commenta Roberto Damaschi, presidente dell’Ente Festa della cipolla –, con gli stand pieni anche di martedì e mercoledì. Al Cortile Antico c’è la firma del maestro e amico Vissani, ma ci sono anche gli altri cinque pieni di volontari e prestatori d’opera che si impegnano per un lungo periodo per cercare di rendere possibile questa festa e far sì che gli avventori restino sempre soddisfatti e il successo dell’evento possa continuare e crescere. Vediamo ogni sera gente da Roma, Rieti, Marche, Toscana, stasera persino dall’Abruzzo e sei persone dal Molise. Quindi stiamo allargando i confini e siamo molto soddisfatti sotto il profilo dell’impatto perché cerchiamo, al di là di vendere un pasto, di valorizzare il territorio, il paese e la nostra cultura».

Non solo gastronomia Accanto alla gastronomia, la festa propone la mostra mercato della cipolla e dei prodotti tipici per le vie del centro storico e, come sempre, un fitto cartellone tra musica, intrattenimento, cultura, sport e solidarietà. Nei prossimi giorni, piazza san Matteo ospita due appuntamenti in musica: dopo ‘On the night Dire Straits tribute band’ di sabato 8, domenica 9, alle 21, il concerto del quartetto soul&swing ‘Four season’. Dopo una pausa lunedì 10, si riprende martedì 11, quando, sempre in piazza san Matteo alle 21 ci sarà lo spettacolo di danza ‘Il talismano magico’ by Il cigno dance mentre allo stesso orario alla Chiesa delle sacre stimmate un concerto di musica classica. Ancora musica e danza mercoledì 12 settembre in piazza san Matteo per poi lasciare spazio giovedì alle risate con il duo comico spoletino Pere cotogne e a un altro fine settimana ricco di eventi in cui troverà spazio la solidarietà.

I commenti sono chiusi.