martedì 22 gennaio - Aggiornato alle 01:11

Farro Dop e prodotti della montagna: in alta quota a Monteleone di Spoleto con la mostra-mercato

Prosegue l’evento natalizio dedicato all’unico cereale Dop d’Europa e alle piccole produzioni di altissima qualità. Acceso l’Albero di Natale più grande della Valnerina

Monteleone di Spoleto

di Dan. Nar.

Alta quota e altissima qualità. Monteleone di Spoleto è il comune più alto dell’Umbria e anche luogo da dove proviene l’unico farro Dop d’Europa. Mille ettari di terreno coltivato, per un prodotto pregiato e di nicchia. Due tipicità che contraddistinguono questo luogo fuori dalle tradizionali vie di comunicazione, dai transiti usuali. Una “criticità” che qui si trasforma in opportunità, con tante persone che visitano Monteleone e degustano le sue eccellenze. Dopo i festeggiamenti per il Santo Patrono Nicola, il Santo del Dono, e l’accensione del Presepe e dell’Albero di Natale più grande della Valnerina, a Monteleone di Spoleto entrano nel vivo i ‘Mercatini di Natale ad Alta Quota’ con la ‘Mostra Mercato del Farro Dop e dei prodotti tipici della Montagna’, che prendono il via sabato 8 dicembre e termineranno domenica 9 dicembre.

Farro Dal 5 dicembre infatti Monteleone di Spoleto si sta vestendo a festa per il Natale e ha celebrato il suo prodotto principe, il Farro Dop, ed il giorno del Santo Patrono Nicola, con il rituale del “Farro di S. Nicola” e si appresta a realizzare il “Focone della Venuta”: un insieme di religione, sapori, riti e folclore per godere di uno dei Borghi più belli d’Italia. Il rituale della distribuzione del Farro benedetto si svolge da tempo immemore per ricordare il miracolo che la tradizione attribuisce a S. Nicola di Bari che, passando per Monteleone ed impressionato dalla indigenza dei suoi abitanti, avrebbe consegnato il farro per sfamare i poveri. Il ripetersi di questo singolare rituale ha favorito la continuità della sua coltura a Monteleone, tanto da diventare un tratto caratterizzante di questo territorio. Il Parroco quindi nella vigilia di S. Nicola, ha preparato anche quest’anno nella canonica della chiesa di S. Nicola una minestra di farro che viene cotta in un grande caldaio appeso sul focolare. Il farro è stato distribuito a mezzogiorno agli abitanti di Monteleone, a cominciare dai bambini che sono i destinatari privilegiati del rituale.

Mostra-mercato L’8 e 9 dicembre entra quindi nel vivo la “Mostra Mercato del Farro Dop e dei prodotti tipici della Montagna”, la vetrina umbra, in veste natalizia, dei prodotti certificati Dop, Doc, Docg ed Igp dell’Umbria e dei prodotti di qualità delle Valnerina, che questo anno è allestita nella Piazza sottostante alla Torre dell’Orologio. La Torre dell’Orologio sarà il fulcro delle tante iniziative di musica e spettacolo in programma fino al 9 dicembre, il corso del borgo di Monteleone di Spoleto verrà disseminato di focolari, alimentati dalla legna dei boschi che circondano l’abitato e che daranno ristoro e calore ai visitatori. Sia sabato 8 che domenica 9 dicembre dalle ore 10.30 i bambini potranno spostarsi per le vie del borgo con l’”Asino Bus”. Gli asinelli accompagneranno i bambini della piazza Regina Margherita alla Piazza del Teatro dove potranno partecipare poi ai laboratori “Il Dolce in una Stanza. Biscotteria per piccoli e grandi pasticcioni”. Davanti al grande camino del Palazzo del Gusto, i bambini, ma anche gli adulti, potranno imparare a preparare i biscotti di Natale fatti con la farina di Farro Dop ricoperti di glasse come vuole la ricetta di “Ildegarda di Bingen” la medichessa benedettina dell’anno 1000, che sosteneva che di biscotti fatti con farina di farro “i bambini debbono mangiarne pochi altrimenti diventano troppo furbi”. In programma poi molte altre attività dalle degustazioni di Zuppa di Farro Dop in Piazza alla musica per le vie del centro con “Le Perle di Marte”, dalla mostra dei “Presepi d’Autore”, a quelle sugli antichi mestieri artigiani e sull’artigianato artistico al femminile. Da segnalare la mostra di arte artigiana “Battiti di Ferro” che vedrà l’esposizione delle opere di due giovani artisti emergenti, Alessandro Cosentino e Diego Venanzi, che nati dalla fucina di sette generazioni di fabbri, hanno debuttato alla Biennale di Venezia ed in questa occasione presenteranno i loro lavori al Palazzo del Gusto. Sabato 8 dicembre alle ore 16.00 presso la Scalinata delle Cordonate si terrà il concerto de ”I Suoni d’Umbria” con la loro musica tradizionale umbra mentre a dare il via alla giornata di di domenica 9 dicembre sarà il trekking gratuito, organizzato in collaborazione dell’Associazione l’Olio e la Ginestra, che porterà i partecipanti ad esplorare il territorio circostante il borgo, tra i boschi e lungo i percorsi di archeologia industriale alla scoperta delle miniere di ferro. Alle ore 18.30 tutti in teatro per il TALENT, durante il quale i migliori talenti si esibiranno in tutte le discipline del canto, della musica e delle arti di intrattenimento. Domenica 9 dicembre la Mostra Mercato si chiuderà con il tradizionale “Focone della Venuta”. Gli abitanti e i visitatori potranno ritrovarsi attorno al fuoco benedetto dal Parroco, tra i suoni della Banda ed i canti della Corale, a consumare insieme cibi tradizionali e bevande, per salutare il passaggio, La “Venuta”, della Madonna di Loreto.

L’olio sposa il farro La Strada dell’Olio Dop Umbria ha accolto l’idea di fare rete per sostenere l’evento natalizio dedicato alle piccole produzioni di altissima qualità organizzato dal comune di Monteleone di Spoleto. Monteleone di Spoleto è un piccolo borgo nell’Umbria più segreta, che si trova fuori dalle rotte più conosciute, uno dei luoghi del silenzio, che racchiude in sé il fascino degli Appennini e dei borghi di montagna, legato però ad una antica tradizione nobiliare, denotata dai palazzi rinascimentali di cui è ricco il centro storico. Monteleone di Spoleto è anche la patria del Farro Dop, unico cereale Dop d’Europa che come anche gli altri cereali e legumi locali, si sposa con l’Olio extravergine di oliva Dop Umbria esaltandone il sapore. La Strada dell’Olio Dop Umbria ha quindi accolto l’invito ad essere partner dell’iniziativa alla luce della qualità che contraddistingue il farro Dop, portando l’olio Dop Umbria laddove non viene prodotto, in Valnerina. Nelle giornate di sabato 8 e domenica 9 dicembre alla “Mostra Mercato del Farro Dop e dei prodotti tipici della Montagna”, alla quale parteciperanno anche produttori di Olio Dop Umbria, sarà possibile degustare il Farro Dop di Monteleone di Spoleto in connubio con l’Olio e.v.o. Dop Umbria nella tradizionale ricetta della minestra di San Nicola, sotto al più grande albero di Natale della Valnerina che sarà allestito ai piedi della Torre dell’Orologio ed acceso, insieme al presepe, il giorno di San Nicola (6 dicembre). «Questo è solo l’inizio della partnership tra l’associazione Strada Olio extravergine di Oliva Dop Umbria e il comune di Monteleone di Spoleto. – dice Paolo Morbidoni, Presidente dell’Associazione Strada dell’Olio extravergine d’oliva Dop Umbria – Il Comune di Monteleone di Spoleto prenderà parte poi, per la prima volta, all’edizione 2019 di Frantoi Aperti in Umbria. Una delle tante iniziative, questa, di sinergia tra prodotti di eccellenza finalizzata sia alla promozione del prodotto che dei piccoli borghi rurali».

I commenti sono chiusi.