Currently set to Index
Currently set to Follow
domenica 29 gennaio - Aggiornato alle 23:08

Ecco quali sono i ristoranti umbri inseriti nella guida Michelin

Quelli che hanno conquistato la stella, i bib gourmand e quelli da un piatto

C’è un lungo elenco di ristoranti umbri che possono fregiarsi della loro presenza sulla guida Michelin. Parliamo di quelli che ottengono un piatto, ristoranti quindi che vengono raccomandati al pubblico per la qualità delle loro offerte.

Stelle Le stelle Perché per quanto riguarda le stelle, è stato già detto, che ne brillano poche in questa regione, infatti, ne hanno una soltanto, sia il ristorante L’Acciuga di Perugia, che conferma, per il secondo anno, il riconoscimento attribuito l’anno precedente, poi il ristorante Vespasia di Norcia e Casa Vissani di Baschi.

Bib Gourmand Bib Gourmand Stesso discorso per i big gourmand (il miglior menù a meno di 35 euro) che vede confermati quelli dell’edizione precedente. C’è il ‘Perbacco – Vini e Cucina’, che tra i vari piatti offre una varietà invidiabile di preparazioni a base di cipolla. Il locale è stato anche indicato dalle guide di Repubblica come uno dei 5 ristoranti in cui andare in Italia. Da Cannara si va al Trasimeno, esattamente a Castiglione del lago, al ristorante ‘L’acquario’. Poi a Montone da ‘Tipico & La locanda del capitano’ che ha fuso due realtà di eccellenza. Penultima tappa a Spoleto, al ‘Tempio del gusto’ e infine a Orvieto con ‘Ristorante da Gregorio.

1 piatto Risultano nella guida con un piatto ‘Casa Iozzia (Vitorchiano), Il Frantoio (Assisi), Benedikto (Assisi), San Giorgio (Umbertide), Fiorfiore (Todi), La Frateria di Padre Eligio (Cetona), Trippini (Civitella del Lago), Walter Redaelli (Bettolle), I Sette Consoli (Orvieto), Nascostoposto (Terni), Il Molo (Passignano sul Trasimeno), Lillo Tatini (Panicale), San Giorgio (Umbertide), L’Officina (Perugia), La Forchetta Bistrot (Perugia), Quattro Sensi (Brufa), Buca di San Francesco (Assisi), La Locanda del Cardinale (Assisi), Serpillo (Bevagna), Locanda Petreja (Todi), La Palomba (Orvieto), San Lorenzo (Spoleto), Apollinare (Spoleto).

I commenti sono chiusi.