lunedì 22 aprile - Aggiornato alle 13:08

Il Coordinamento nazionale strade vino, olio e sapori, capitanato dall’Umbria, è federazione: firma al Vinitaly

L’atto costitutivo firmato a Verona permette al Coordinamento, che raccoglie 80 realtà, di assumere forma giuridica, di proporsi come interlocutore delle istituzioni e promuovere l’enoturismo

Coordinamento nazionale strade vino olio e sapori, firma al Vinitaly

di D.N.

Alla presenza dei vertici dell’organismo e del sottosegretario Alessandra Pesce, martedì 9 aprile al Vinitaly è avvenuta la firma dell’atto costitutivo della Federazione Italiana delle Strade del Vino, dell’Olio e dei Sapori, precedentemente riconosciuta come Coordinamento nazionale. L’atto formale permette al Coordinamento nazionale, capitanato dall’Umbria, di assumere forma giuridica, di proporsi a tutti gli effetti come interlocutore autorevole delle istituzioni e di mettere a punto progetti destinati alla promozione dell’enoturismo, finalmente normato in un decreto varato lo scorso marzo dal governo.

Passo in avanti Assume quindi forma giuridica, con la costituzione ufficiale e il proprio statuto, l’organismo nato nel 2017 con un duplice obiettivo: unire le forze e fare rete per diventare un autorevole interlocutore delle istituzioni nella definizione della disciplina dell’enoturismo e quindi contribuire alla crescita e al consolidamento del turismo rurale, enogastronomico e culturale in Italia. L’atto formale – siglato in occasione di una conferenza stampa dal titolo ‘Nuovi turismi e nuove Strade: la sfida dei territori del vino’ presso la Sala Conferenze del Mipaaft, alla presenza del Sottosegretario di Stato al Ministero delle Politiche Agricole Alimentari, Forestali e del Turismo Alessandra Pesce – è un passaggio fondamentale per dare forza all’attività del sodalizio presieduto da Paolo Morbidoni, presidente del Coordinamento delle Strade dei Vini e dell’Olio dell’Umbria. Infatti, dopo un anno di consolidamento, il nuovo soggetto potrà sviluppare appieno la propria attività sul territorio nazionale, con la possibilità dunque di partecipare, tra le altre cose, a bandi e mettere a punto progetti comuni sul tema dell’enoturismo. «Siamo felici di sostenere questo percorso – ha dichiarato il Sottosegretario Alessandra Pesce, che ha portato i saluti del Ministro Gian Marco Centinaio – poiché il mondo delle Strade del Vino rappresenta perfettamente la capacità di coniugare la promozione dei prodotti a quella del territorio. Una visione in linea con quella assunta dal nostro Governo, che ha volute estendere le competenze del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari, Forestali al Turismo, con la consapevolezza che il corretto connubio tra queste realtà abbia grandi potenzialità».

Decreto enoturismo L’appuntamento assume ancora maggiore importanza se si considera – come ha ricordato lo stesso Sottosegretario – che lo scorso marzo, dopo oltre un anno di gestazione, è stato finalmente firmato il decreto che regolarizza l’accoglienza in cantina, il cui primo articolo definisce enoturistiche «tutte le attività formative e informative rivolte alle produzioni vitivinicole del territorio e la conoscenza del vino». Nell’occasione, tra l’altro, anche il presidente di Città del Vino Floriano Zambon, in una dichiarazione rilasciata a Tre Bicchieri di Gambero Rosso, aveva auspicato un’accelerazione dell’iter per il varo di una legge sulle Strade del Vino – cerniera ideale tra pubblico e private per unire offerta ricettiva e di accoglienza sul territorio – coerente con le indicazioni della norma sull’enoturismo.

Interlocutore autorevole Lo stesso, intervenendo all’incontro a Vinitaly, si è complimentato con la neonata Federazione che guarda giustamente con grande attenzione ad un settore che in meno di 10 anni è cresciuto in maniera importante passando da 3,5 milioni e mezzo di enoturisti agli attuali 14 milioni, per 2,5 miliardi di euro di giro d’affari. Numeri che – ha sottolineato – vanno “governati” sia da un punto di vista normativo che gestionale. La firma dell’atto costitutivo, che giunge a due mesi dalla decisione di eleggere a propria sede operativa la Fondazione FICO di Bologna, ufficializzata alla presenza di Luciano Nieto, Capo Segreteria Tecnica del Mipaaft, sottolinea la volontà della Federazione Italiana delle Strade del Vino, dell’Olio e dei Sapori di riaffermarsi e farsi riconoscere come interlocutore delle istituzioni. «Siamo partiti a fine 2017 con il sostegno di 23 Strade e in un solo anno e mezzo siamo cresciuti costantemente fino a raggiungere le attuali 80, che rappresentano il 90% delle realtà effettivamente operative presenti sul territorio nazionale – dichiara Paolo Morbidoni, presidente della Federazione -. Nella nostra compagine attuale, quindi, riuniamo alcuni tra i soggetti più importanti e strutturati di un panorama italiano quanto mai ricco e diversificato. Si pensi che un’analisi basata su un campione pari al 61% di quelle aderenti – prosegue il presidente – ha evidenziato numeri di tutto rispetto: vi si trovano, infatti, oltre 1.000 aziende vitivinicole, più di 500 ristoranti, 450 strutture ricettive, 320 agriturismi e altre importanti realtà sia pubbliche che private. Senza contare i 147 prodotti tipici Doc, Docg, Dop, Igp e i migliaia di Pat promossi, suddivisi tra Vino (34%), Olio (10%) e le numerose altre eccellenze del territorio».

I commenti sono chiusi.