Currently set to Index
Currently set to Follow
venerdì 12 agosto - Aggiornato alle 16:58

Con la ‘regina’ Cipolla a Cannara torna la tradizionale festa: sei chef per sei taverne

Interrotta per due anni a causa della pandemia riparte dopo la sospensione tra agosto e settembre con 12 serate

Festa della cipolla di Cannara

di Dan. Nar.

Interrotta per due anni a causa della pandemia riparte dopo la sospensione con la 40/a edizione la “Festa della cipolla di Cannara”, che torna ad allietare le serate del borgo umbro dal 30 agosto al 4 settembre e dal 6 all’11 settembre. “Abbiamo sentito la mancanza di una festa come questa che ha sempre una grande partecipazione di pubblico ed è riconosciuta non solo a livello regionale. Attrae visitatori e valorizza il territorio di Cannara e un prodotto come la cipolla, una delle eccellenze della regione che ha varcato i nostri confini”: ad affermarlo è stata la presidente della Regione Umbria, Donatella Tesei, durante la presentazione del programma. Insieme a lei il presidente dell’Ente Festa della cipolla Roberto Damaschi, ed inoltre Silvana Pantaleoni, vicesindaco di Cannara nonché assessore a cultura e turismo che ha portato i saluti del sindaco Fabrizio Gareggia, e Pietro Bellini, presidente del Gal Valle umbra e Sibillini, grazie al cui contributo è organizzato l’evento.

Taverne e programma “L’entusiasmo è il solito, quello che ha sempre contraddistinto il movimento del volontariato cannarese – ha spiegato Damaschi – senza il quale sarebbe impossibile realizzare questa festa, uno degli eventi enogastronomici, per presenze e risonanza, più importanti della regione”. “Una rassegna – ha proseguito – che pone al centro dell’attenzione un prodotto tipico di Cannara, la cipolla, con tutta la sua storia. Ci sono documenti che attestano come sul finire del 1800 Cannara deteneva l’80% della produzione delle cipolle dell’Umbria”. La cipolla verrà quindi cucinata e interpretata in sei taverne (Al cortile antico, Il rifugio del Cacciatore, La taverna del castello, Il giardino fiorito, El cipollaro e La locanda del curato) e due punti ristoro da altrettanti chef con filosofie diverse tra loro. Ma oltre ai piatti a base di cipolla, gli organizzatori hanno allestito un ricco programma di eventi, tra intrattenimento e sport, per le 12 giornate di festa: tra gli ospiti anche i comici Dario Cassini e Massimo Bagnato, oltre che musicisti come Maurizio Solieri, chitarrista di Vasco Rossi per oltre trent’anni.

Novità ed anteprima Tra le novità c’è ‘Cipollapp’, una app attraverso cui è possibile consultare programma degli eventi, menù, accedere a contenuti multimediali e, soprattutto, prenotare un posto.
Come anteprima, inoltre, il 23 agosto all’Hotel Brufani di Perugia si terrà un cooking show nel quale saranno presentati e degustati alcuni dei piatti protagonisti dei sei stand gastronomici. La presidente della Regione Tesei ha infine accennato alla ritrovata “normalità” con la ripresa in Umbria degli eventi che “sta contribuendo molto ad aumentare il numero dei turisti e dei visitatori che vengono attratti anche da questo tipo di manifestazioni”. “Gli eventi legati ai prodotti della nostra agricoltura, come in questo caso la cipolla, sono importanti – ha concluso Tesei – perché attraverso l’enogastronomia, punto forte dei nostri territori, riusciamo a far conoscere l’Umbria”.

I commenti sono chiusi.