mercoledì 18 settembre - Aggiornato alle 22:32

‘Birraio dell’anno’ e ‘Birraio emergente’: fra le nomination anche due birrifici umbri

Birra Perugia e Birrificio Altotevere tra le realtà protagoniste dell’importante evento brassicolo nazionale dedicato alla birra artigianale

Birraio dell'anno

di Danilo Nardoni

Birrai, esperti, appassionati e curiosi saranno tutti a Firenze per il ritorno dell’evento nato per festeggiare la buona birra artigianale italiana. L’anno 2019 parte infatti subito con il primo importante appuntamento per il mondo brassicolo nazionale, ‘Birraio dell’anno’, in programma al teatro TuscanyHall (ex ObiHall) di Firenze da venerdì 18 a domenica 20 gennaio. L’evento organizzato dal network Fermento Birra è una bella occasione per degustare le migliori birre artigianali italiane ed assistere alla premiazione del miglior artigiano della birra italiana. L’offerta di quest’anno, particolarmente ricca, vede 150 birre prodotte dai 20 produttori candidati al premio ‘Birraio dell’Anno’ (tra questi Luana Meola e Luca Maestrini del birrificio Birra Perugia) e dai 5 candidati al premio ‘Birraio Emergente’ (per l’Umbria c’è Luca Tassinati del Birrificio Altotevere di San Giustino) oltre, novità di quest’anno, alle 40 referenze prodotte dai 10 migliori birrai delle regioni non coinvolte dalle nomination del Birraio dell’Anno (corner ‘Best Off’).

Premiazioni Birraio dell’Anno anche quest’anno darà vita ad un appuntamento imperdibile per ogni appassionato di birra artigianale italiana. La selezione birraria ottenuta grazie al voto di 100 esperti italiani si concretizzerà lungo i banchi spillatura della grande isola centrale dove saranno servite le birre prodotte dai produttori candidati. Giunto alla decima edizione l’evento vuole essere una vetrina per un settore che vanta eccellenze riconosciute e apprezzate a livello internazionale, un doveroso tributo a prodotti artigianali unici nati dalla maestria e dalla creatività dei nostri birrai, che durante il festival saranno pronti a raccontare la loro passione attraverso le loro birre. Come da tradizione, domenica 20 alle 16.30, il noto degustatore Lorenzo “Kuaska” Dabove avrà il compito di condurre la premiazione e pronunciare l’atteso nome del vincitore, sia del premio ‘Birraio dell’Anno’ che del ‘Birraio Emergente’, riconosciuto al produttore con meno di due anni di esperienza.

Cultura e area food Non mancheranno inoltre i momenti culturali: degustazioni gratuite realizzate nell’area Beer Show sul palco del teatro, e incontri tematici (prenotazione obbligatoria) nell’area Beer Match, in uno spazio dedicato. In nome della qualità anche la selezione dei banchi dell’area food che quest’anno vedranno protagonisti locali cittadini come il gastro-pub Pint of View, con le preparazioni orientaleggianti della giovane chef coreana Yejin Ha; la birreria Diorama con il tipico quinto quarto fiorentino; l’offerta ricercata dello chef Simone Cipriani del ristorante FAC; e quella golosa degli hamburger di chianina di Panino Tondo. Spazio anche alle tipicità extra-regionali con le specialità siciliane di Arà e quelle marchigiane di Ape Scottadito, per un menu variegato capace di celebrare nel migliore dei modi il matrimonio tra birra e street-food.

Umbria Birra Per l’occasione l’associazione Umbria Birra organizza, per la giornata finale di domenica, una gita in autobus con partenza da Perugia. I posti sono limitati. Per maggiori informazioni e per prenotare il posto si può scrivere alla e-mail [email protected] o chiamare il numero di cellulare 348 874 0994. Sito ufficiale dell’evento: www.birraiodellanno.it.

Candidati al premio ‘Birraio dell’Anno 2018’
Luana Meola e Luca Maestrini del birrificio Birra Perugia di Perugia
Josif Vezzoli del birrificio Birra Elvo di Graglia (BI)
Mauro Salaorni del birrificio Birra Mastino di San Martino Buon Albergo (VR)
Agostino Arioli del Birrificio Italiano di Limido Comasco (CO)
Fabio Brocca del Birrificio Lambrate di Milano
Emanuele Longo del Birrificio Lariano di Dolzago (LC)
Samuele Cesaroni della Brasseria della Fonte di Pienza (SI)
Pietro Di Pilato del birrificio Brewfist di Codogno (LO)
Alessio Gatti del birrificio Canediguerra di Alessandria
Marco Ruffa del birrificio CR/AK di Campodarsego (PD)
Alessio Selvaggio del birrificio Croce di Malto di Trecate (NO)
Luigi D’Amelio del birrificio Extraomnes di Marnate (VA)
Gino Perissutti del birrificio Foglie d’Erba di Forni di Sopra (UD)
Marco Valeriani del birrificio Hammer di Villa D’Adda (BG)
Conor Gallagher Deeks del birrificio Hilltop di Bassano Romano (VT)
Valter Loverier del birrificio Loverbeer di Marentino (TO)
Matteo Pomposini e Cecilia Scisciani del birrificio MC77 di Serrapetrona (MC)
Marco Raffaeli del birrificio Mukkeller di Porto Sant’Elpidio (FM)
Marco Sabatti del birrificio Porta Bruciata di Rodengo Saiano (BS)
Giovanni Faenza del birrificio Ritual Lab di Formello (RM)

Candidati al premio ‘Birraio Emergente 2018’
Luca Tassinati del Birrificio Altotevere di San Giustino (PG)
Giorgio Masio del birrificio Altavia di Sassello (SV)
Adriano Giulioni del birrificio Babylon di Folignano (AP)
Alessandro Sanna e Federico Bianco del birrificio Birra Bellazzi di San Lazzaro di Savena (BO)
Umberto Calabria del birrificio Jungle Juice Brewing di Roma

Best Off (fuori concorso)
I 10 migliori birrai delle regioni non coinvolte dalle nomination del Birraio dell’Anno, individuati sulla base della classifica del primo turno di votazioni:
Eraldo Corti del birrificio A’ Magara di Nocera Terinese (CZ)
Stefano di Stefano del birrificio Argo di Lemignano (PR)
Nicola Perra del birrificio Barley di Maracalagonis (CA)
Christian Pichler del birrificio Batzen Bräu di Bolzano
Donato Di Palma del birrificio Birranova di Triggianello (BA)
Giuseppe Schisano del Birrificio Sorrento di Sorrento (NA)
Angelo Scacco del Birrificio La Fucina di Pescolanciano (IS)
Fausto Marenco del birrificio Maltus Faber di Genova
Luigi Recchiuti del birrificio Opperbacco di Notaresco (TE)
Marco Gianino del birrificio Yblon di Ragusa

I commenti sono chiusi.