Currently set to Index
Currently set to Follow
lunedì 8 agosto - Aggiornato alle 18:47

Associazione Italiana Sommelier, è umbro il numero uno nazionale

Sandro Camilli da presidente Ais Umbria a membro di giunta esecutiva e ora la carica più alta. Le votazione il 26 e 27 giugno scorso

Sandro Camilli, ex presidente di Ais Umbria, è il nuovo numero uno nazionale dell’Associazione Italiana Sommelier affiancato da Marco Aldegheri, Ais Veneto, in qualità di vicepresidente. Camilli 4 anni fa era stato nominato membro della Giunta esecutiva nazionale della prestigiosa Associazione impegnata nella qualificazione della figura da sommelier e nella valorizzazione della cultura del vino in Italia e all’estero. Ora da presidente il prestigio aumenta e per l’Umbria è l’occasione di rilanciare le proprie qualità in ambito di vinocultura.

Le votazioni Il nome del successore di Antonello Maietta, presidente uscente dopo tre mandati e per questo motivo non più candidabile, è stato votato dai neo-consiglieri nazionali eletti tramite le votazioni online del 26 e 27 giugno scorsi che hanno decretato anche i consiglieri nazionali di riferimento.

Sandro Camilli Racconta nel suo curriculum di aver trasformato la sua passione in professione dopo anni di duro lavoro in un ristorante, dove ha iniziato ad affinare i suoi sensi. Ma la sua vita cambia davvero più di venti anni fa grazie all’incontro con Ais. Conseguito l’attestato da sommelier, ha proseguito con master , corsi di marketing sul vino contribuendo anche in maniera significativa allo sviluppo di Ais Umbria fino a diventarne Presidente, carica che ha rivestito per 12 anni fino a giungere ora a quella nazionale. Dai numerosi viaggi poi sono nate le sue passioni, una su tutte quella per lo Champagne. Nonostante tutto però racconta che «la sua più grande maestra resta l’umiltà, non solo nel trasmettere una passione ma anche e soprattutto nel diffondere e arricchire la cultura enogastronomica».

 

I commenti sono chiusi.