Currently set to Index
Currently set to Follow
domenica 19 settembre - Aggiornato alle 12:13

Assisi, l’incontro tra professionisti della ristorazione e accoglienza per lo sviluppo sostenibile del settore

Al motto ‘the next green generation’, dopo una prima due giorni di iniziative, torna fra una settimana il ‘Bootcamp & Horeca Work Forum 2021’

Gli chef Lorenzo Cantoni e Paolo Trippini

di D.N.

Al motto di “The next green generation” si è svolta la prima parte del 2°Bootcamp & Horeca Work Forum organizzato da PLANET ONE con la collaborazione del media partner BARGIORNALE. Dopo una prima edizione con numeri da record (con circa 600.000 visualizzazioni sui canali social ufficiali dell’evento), l’edizione numero due del grande evento dedicato a ripensare il mondo della ristorazione si è presentata particolarmente carica di aspettative e interesse per tutti gli operatori del variegato mondo dell’Horeca, desideroso quanto non mai di una vera ripartenza e un ripensarsi in maniera nuova all’indomani della pandemia. Dopo la prima sessione di lavoro, del 6 e 7 settembre dedicata alla Mixology e alla Caffetteria, in programma c’è ancora quella del 13 e 14 settembre che sarà invece dedicata alla ristorazione e alla caffetteria. Le location scelte come sede dell’evento sono Borgo Antichi Orti Assisi, Tenuta Baroni Campanino Assisi, Tenuta San Masseo Assisi e la Sala della Conciliazione del Comune di Assisi

Cucina sostenibile A rappresentare all’interno dell’Horeca Work Forum un nuovo modello di cucina sostenibile e a km zero, lo chef umbro Paolo Trippini, Ambasciatore Del Gusto e impegnato da anni nella valorizzazione di una filosofia gastronomica che punti tutto sulla valorizzazione delle biodiversità locali. “Negli ultimi mesi la ristorazione è cambiata tantissimo – ha affermato Trippini – ora c’è più attenzione da parte del cliente sulla qualità dei prodotti utilizzati e anche noi ristoratori dobbiamo saper raccontare il prodotto che mettiamo nel piatto. Il Bootcamp è un’esperienza che significa confronto tra gli addetti ai lavori e da questo confronto si cresce sempre. Oggi sostenibile significa forte. Puntiamo sull’economia di prossimità, che è strettamente collegata alla sostenibilità”. Quando si parla di sostenibilità non si può non citare Regusto, startup umbra di successo che ha promosso la piattaforma SpesaSospesa.org e che è uno dei partner del Bootcamp Horeca Work Forum: vincitore di vari riconoscimenti per la sostenibilità, Regusto ha messo in piedi una piattaforma online che mette in contatto aziende del food con realtà sociali, con l’obiettivo di recuperare quelle eccedenze alimentari che altrimenti andrebbero distrutte. Allo stesso tempo, quindi, si recuperano derrate di cibo che vengono distribuite alle associazioni di volontariato e in contemporanea si evitano inquinamento e perdita di risorse.

Consumatori attenti Presente agli incontri anche il giornalista Giuliano Biondi, redattore della rivista Bargiornale: “Sono i piccoli cambiamenti che fanno cambiare la mentalità delle persone; e così oggi anche la sostenibilità nell’alimentazione – specialmente quando parliamo del fuori casa – è diventata importantissima per molti più consumatori rispetto ad appena un paio di anni fa”. Marco Ranocchia di Planet One, vero motore e promotore del Bootcamp, ha ricordato che senza il coraggio dell’imprenditore una manifestazione di questo tipo – nata e autofinanziata dalla sinergia di moltissime aziende e realtà del settore – non sarebbe immaginabile.

I commenti sono chiusi.