giovedì 28 maggio - Aggiornato alle 17:15

Agro-biodiversità, il caso Valnerina: seminario web del Parco tecnologico agroalimentare dell’Umbria

Al centro dell’incontro gli ‘agricoltori custodi’ e la sostenibilità delle imprese agricole in aree montane per la Giornata nazionale della biodiversità di interesse agrario

Valnerina

di D.N.

È in programma mercoledì 20 maggio alle ore 16 il seminario web dal titolo ‘Agro – Biodiversità, agricoltori custodi e sostenibilità delle imprese agricole in aree montane: il caso della Valnerina’. L’incontro organizzato dal Parco Tecnologico Agroalimentare dell’Umbria – 3A-PTA, di concerto con la Regione Umbria, viste le restrizioni dovute al Covid-19, si terrà attraverso la piattaforma Zoom (per iscrizioni è possibile inviare una mail a [email protected]) e sarà l’occasione per celebrare la Giornata Nazionale della Biodiversità. Principale obiettivo dell’incontro sarà dare voce ad alcune delle realtà virtuose rappresentate degli “Agricoltori Custodi” della Valnerina.

Agricoltori custodi Sarà l’occasione per fare il punto sullo stato di attuazione della legge nazionale 194/2015 e sull’ipotesi di istituzione del marchio nazionale ‘Agricoltori Custodi’, verrà presentato l’Itinerario della Biodiversità dell’Appennino Umbro Marchigiano, progetto finanziato dal Fondo per la tutela della Biodiversità, nella convinzione che la tutela e valorizzazione dell’Agro-biodiversità sia un fattore di sviluppo sostenibile dei territori montani e delle comunità locali che li abitano. Verrà inoltre presentato il nuovo portale Regionale http://biodiversita.umbria.parco3a.org/ dove sono riportate tutte le informazioni, le pubblicazioni e le attività relative alla tutela e valorizzazione dell’Agro Biodiversità regionale.

Varietà e razze di interesse agrario Nel 2015 la Legge Nazionale n. 194/2015 ha istituito, oltre alla Giornata Nazionale della Biodiversità, la figura dell’Agricoltore Custode, l’Anagrafe Nazionale della Biodiversità di interesse agricolo e alimentare, gli Itinerari della Biodiversità, le Comunità del Cibo, tutta una serie di strumenti ed iniziative volte alla tutela di specie animali e vegetali in via di estinzione, che consentono ai territori di creare valore riscoprendo, tutelando ed appunto sviluppando le proprie peculiarità e tradizioni agricole, mettendo a disposizione degli operatori del settore nuove opportunità di sviluppo sostenibile attraverso la produzione di eccellenze agroalimentari provenienti da varietà le razze locali identitarie della propria regione. L’Umbria è stata una delle prime Regioni italiane a dotarsi di una Legge regionale (L.R. 25/2001) sulle risorse genetiche d’interesse agrario, legge che ha istituito la Rete di Conservazione e Sicurezza ed il Registro regionale delle varietà e razze di interesse agrario a rischio di erosione genetica. Ad oggi sono iscritte al Registro Regionale 58 risorse, di cui 12 varietà erbacee, 37 varietà arboree e 9 razze animali.

Programma
Ore 16 – Registrazione e accesso dei Partecipanti al Webinar
Ore 16:10 – Saluti: Massimiliano Brilli – Amministratore Unico 3A-PTA, Franco Garofalo – Regione Umbria
Ore 16.30 – Interventi: ‘Lo stato di attuazione sulla Legge Nazionale per la Tutela della Biodiversità di interesse agricolo e alimentare ed il Marchio Nazionale Agricoltori Custodi’ (Vincenzo Montalbano, Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali); ‘L’Itinerario della Biodiversità dell’Appennino Umbro Marchigiano – uno strumento per la sostenibilità delle imprese in aree montane’ (Sebastiano Mauceri, 3A-PTA; Ambra Micheletti, ASSAM Marche; Paola Lunghi, Creativi srl; Presentazione del nuovo Portale per la tutela e la valorizzazione delle varietà e razze locali dell’Umbria (Mauro Gramaccia 3A-PTA)
Ore 17.30 – Interventi degli Agricoltori Custodi
Ore 18.15 – Conclusioni di Roberto Morroni, Assessore alle politiche agricole e agroalimentari della Regione Umbria.
Per informazioni: Tel. 075 8957230; [email protected]; www.parco3a.org/.

I commenti sono chiusi.