lunedì 26 settembre 2016 - Aggiornato alle 15:54
20 aprile 2016 Ultimo aggiornamento alle 08:56

Modena-Perugia, grifo imbarazzante: difesa in affanno e gioco scadente. Il Pagellone

Ancora un flop contro le ultime della classe. E Bisoli che continua a cambiare senza una logica

Modena-Perugia, grifo imbarazzante: difesa in affanno e gioco scadente. Il Pagellone

di Mario Mariano

Non sarà certo un 3 a 0 a frenare l’impeto dialettico di Bisoli: le sue scelte sono a volte discutibili, ma di certo non gli si può contestare la capacità di trovare sempre nuovi argomenti, nuove motivazioni. Per Bisoli è sempre la partita dell’anno, e magari lo sarà anche la trasferta di Novara, qualità apprezzabili, ma con i proclami non sempre si vincono le partite. A Modena il Perugia ha evidenziati tanti limiti e l’allenatore ci ha messo del suo.

FOTOGALLERY DELLA GARA

Modena-Perugia: la cronaca

Il gioco è un’altra cosa, e Bisoli almeno questa volta ammetterà che si sono visti tanti solisti e tanti palloni buttati nel mezzo, sperando in qualche rimpallo, in qualche situazione favorevole. Il Modena, che è in una posizione di classifica imbarazzante, ha rimediato un figurone, pur con individualità che sul piano tecnico non sono sembrate eccelse. Granoche non solo ha realizzato tre gol ma ha messo a soqquadro la difesa, che una volta era un punto di forza ed ora è tornata con i piedi per terra. Le motivazioni del Modena alla prova dei fatti sono state maggiori e il risultato non può essere messo in discussione neppure dalla convalida del terzo goal, che ha fatto litigare arbitro e giudice di linea. Di più: il Modena avrebbe potuto vincere in maniera più larga, e ora speriamo che Bisoli non trovi il modo di raccontarci un’altra partita, magari indicando in Manfredini il migliore degli avversari.

Interviste: parlano Bisoli e Del Prete

Martedì da dimenticare, per tanti, troppi giocatori che pure hanno dimostrato ben altre qualità. Neppure Bisoli ha dato il meglio di sé: quale bisogno c’era di rispolverare Rolando Bianchi e Drolè, cambiando ancora una volta assetto e protagonisti dando poi luogo alla consueta girandola di sostituzioni? Aveva visto male Bisoli alla vigilia individuando una condizione straordinaria di forma dei suoi. Siccome gli allenamenti sono spesso a porte chiuse, bisogna fidarsi dell’occhio esperto del tecnico, ma è stata evidente una involuzione gigantesca rispetto alle ultime prestazioni lontane dal Curi. Trovare una spiegazione non sarà facile, oppure sì: il Perugia è stato quasi sempre capace di rilanciare le squadre della bassa classifica.

Rosati: Ritarda il vantaggio del Modena con una deviazione volante; intuisce il rigore ma i compagni non sono reattivi sulla respinta (vero Volta?) e il raddoppio è così a portata di piedi dell’uruguaiano. Davanti a lui i compagni ballano. Voto: 6+

Del Prete: A scartamento ridotto, sempre in una posizione ibrida; friabile in difesa, non incisivo nei cross. Voto: 5

Volta: Prendere le misure a Granoche non è facile, ma l’attaccante in serata di grazia fa il bello ed il cattivo tempo. Troppe incertezze, anche perché la protezione del centrocampo è modesta. Voto: 5+

Belmonte: In affanno anche lui, costretto al fallo o all’appoggio elementare. Senza un attimo di respiro per la pressione avversaria, si gioca male. Voto: 5

Spinazzola: Qualche discesa ma senza finalizzazione. O, meglio, cross troppo lunghi, conclusioni avventate. Voto: 5+

Zebli: Sta sul pezzo nel primo tempo; riesce a servire Drolè con puntualità con lanci di 40 metri. Cala nettamente nella ripresa, perché non ha più punti di riferimento, e perché da solo non può reggere un reparto. Voto: 6-

Prcic: Buona mezz’ora, il solo a tentare il tiro dalla distanza. Affonda anche lui nella ripresa. Voto: 5+

Aguirre: Ha la dinamite nei piedi e ci prova a utilizzarla bene, salvo che il calcio è gioco di squadra e lui troppo spesso se ne dimentica. Voto: 5,5

Della Rocca: Vederlo giocare sulla fascia è come mangiare un piatto di spaghetti troppo cotti. Subisce i continui spostamenti tattici e finisce per non raccapezzarsi. E’ salvo solo l’impegno. Voto: 5,5 (29′ s.t. Molina: altro ex non risparmiato dai fischi? Voto: ng)

Drolè: Imbarazzante per come è elementare il suo gioco e per la mancanza di autocontrollo. Provoca il rigore e non azzecca una che una! Voto: 4 (1′ s.t. Fabinho: sue le uniche conclusione a reti degne di questo nome. L’impegno c’è ma c’è anche tanta improvvisazione. Voto: 6)

Bianchi: Qualche spizzicata di testa, ma nessun tiro in porta. Impalpabile, e ci resta pure male quanto Bisoli lo toglie! Voto: 5- (13′ s.t. Ardemagni: nelle mischie usa le maniere forti e viene penalizzato. Non combina granché, ma gettargli la croce addosso è ingeneroso, perché l’unico schema della squadra è: palla nel mucchio e vediamo cosa succede. Voto: 5,5)

Bisoli: Fatta la media tra il coraggio e le scelte tattiche e tecniche viene fuori comunque la insufficienza e si tenga conto che per il coraggio prende un voto alto. Voto: 5-

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250