lunedì 26 settembre 2016 - Aggiornato alle 17:36
17 giugno 2016 Ultimo aggiornamento alle 20:50

Giornata mondiale del migrante e del rifugiato, lunedì tanti appuntamenti a Perugia e Foligno

Il 20 giugno mobilitazione a difesa dei diritti delle persone in fuga da violenze e conflitti. Il programma degli eventi organizzati sul territorio

Giornata mondiale del migrante e del rifugiato, lunedì tanti appuntamenti a Perugia e Foligno
Il chiostro di San Fiorenzo

Si terrà il 20 giugno anche a Perugia e a Foligno la Giornata mondiale del migrante e del rifugiato, a difesa dei diritti delle persone in fuga da violenze e conflitti. Gli eventi sono organizzati da Arcisolidarietà Ora d’Aria, da anni ente gestore di progetti di prima e seconda accoglienza sul territorio regionale, in collaborazione con altre associazioni del settore, ovvero la cooperativa sociale Perusia, la Caritas Diocesana di Foligno e il Cidis Onlus. A Perugia alle 17.30 verrà proiettato, al cinema Méliès di via della Viola, il film «Pelè» e, a seguire, all’interno del chiostro di San Fiorenzo della Casa dell’Associazionismo, si aprirà il concerto degli AfroKings A.K.; per finire sarà offerto un aperitivo a buffet. Per quanto riguarda Foligno, invece, alle 18 in piazza della Repubblica, la quotidianità verrà spezzata dal flash mob «Welcome! Standing Together», con la partecipazione dei richiedenti asilo e dei rifugiati accolti nel territorio folignate e degli operatori di accoglienza. Tutti gli eventi e le attività sono aperti alle comunità che ospitano le persone.

Unhcr Promossa dall’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati, è un’iniziativa che da oltre dieci anni ha come obiettivo la sensibilizzazione dell’opinione pubblica sulla condizione, spesso sconosciuta ai più, di questa particolare categoria di migranti. «Ci accingiamo a celebrare questa giornata in una situazione particolarmente negativa sul fronte dell’accoglienza, In Europa e in Italia. Questo – spiega Arci nazionale in una nota – è stato l’anno del pessimo accordo Ue con la Turchia e della sua possibile replica nei paesi africani attraverso il Migration compact proposto dal nostro governo».

I numeri Secondo l’Unhcr sono 60 milioni le persone costrette a fuggire dalle loro case e dai loro paesi e bisognose di protezione. Sessanta milioni a fronte di una popolazione del pianeta di 7 miliardi; nell’Ue gli abitanti sono 500 milioni e in Italia 60 milioni. Questo significa che se volessimo distribuire equamente nel mondo i 60 milioni di potenziali rifugiati, all’Europa ne spetterebbero 4 milioni e all’Italia 450 mila. Siamo invece di fronte a numeri enormemente inferiori (si calcola che in Europa siano ospitati un milione di rifugiati), e l’Italia, secondo dati del Ministero dell’Interno, nel 2015 ha avuto in tutto 83.970 richieste d’asilo.

L’impegno I primi mesi del 2016 sono stati caratterizzati dall’inaccettabile numero di morti in mare: sono, a fine giugno, almeno 2868 i morti e i dispersi lungo le rotte del Mediterraneo. Prosegue dunque il business degli scafisti e la tratta di esseri umani lungo le nuove rotte terrestri. Permane l’incapacità dell’Unione Europea di fornire risposte adeguate, al di là del cinismo degli accordi con i Paesi di origine e di transito ed i soliti balletti su quote e accoglienza. Intanto si diffondono indisturbati i peggiori sentimenti di razzismo e xenofobia, che avanzano assieme alla costruzione dei muri nello spazio Schengen e si nutrono di un’informazione volta più a creare un clima emergenziale che a stimolare una riflessione di merito. «Quello dell’Arci – continua l’associazione – è un impegno volto a garantire un’accoglienza dignitosa, come stiamo cercando di fare per esempio a Ventimiglia dove i nostri operatori e volontari sono quotidianamente impegnati a fornire assistenza e beni di prima necessità ai profughi ammassati lì da mesi, nell’indifferenza delle istituzioni nazionali. Chiediamo che siano finalmente aperti canali di ingresso legali in Italia e in Europa, unica scelta ragionevole per fermare le morti di frontiera».

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250