mercoledì 28 settembre 2016 - Aggiornato alle 07:08
12 luglio 2016 Ultimo aggiornamento alle 17:15

«Gioco a calcio come Messi e CR7, presto sposerò Belen Rodriguez». La perizia del figlio assassino

Sentiti in incidente probatorio i medici incaricati dal gip di valutare la capacità di intendere e volere del 22enne Federico Bigotti accusato di aver ucciso la madre a Città di Castello

«Gioco a calcio come Messi e CR7, presto sposerò Belen Rodriguez». La perizia del figlio assassino
Federico Bigotti cambia la sua immagine del profilo Facebook

di En.Ber.

Nella perizia degli psichiatri Giovanni Battista Traverso e Marco Marchetti, incaricati dal gip Carla Giangamboni di valutare le capacità di intendere e volere di Federico Bigotti, il 22enne arrestato con l’accusa di aver ucciso nel dicembre scorso a coltellate la madre Anna Maria Cenciarini nel casolare di Città di Castello, è spiegato che l’indagato «crede di essere un grande calciatore, con caratteristiche simili a quelle di Messi e Ronaldo, quindi di poter giocare nel Barcellona», ed è «convinto che appena uscirà dal carcere sposerà Belen Rodriguez». Inoltre «ha sempre dichiarato piena fiducia nei suoi avvocati e più in generale nella Giustizia».

Socialmente pericoloso Secondo gli esperti che hanno incontrato Bigotti dietro le sbarre del carcere di Spoleto il figlio assassino ha mostrato «indifferenza emotiva a fronte dell’evento suicidio della madre». Nella relazione depositata al gip un mese fa, di cui è entrato in possesso l’avvocato Vincenzo Bochicchio, si parla delle «convinzioni di Bigotti di possedere capacità straordinarie» e vengono pubblicati estratti di letteratura criminale. In conclusione, scrivono i medici, «l’evento si è prodotto in uno stato di totale esclusione delle capacità di intendere e di volere del soggetto». I difensori dell’indagato potrebbero chiedere il proscioglimento del loro assistito, ritenuto «socialmente pericoloso».

Incidente probatorio In seguito all’udienza di stamani in cui i periti sono stati sentiti con la formula dell’incidente probatorio non è escluso che Bigotti non venga processato. Potrebbe essere trasferito in una Rems (Residenza per l’esecuzione delle misure di sicurezza, come chiesto dalla difesa). Prima però c’è bisogno del parere del giudice e poi del Dipartimento per l’amministrazione penitenziaria. Bigotti si è sempre dichiarato innocente ed estraneo alle contestazioni. La pubblica accusa è rappresentata in aula dal Pm Carmen D’Onofrio.

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

-->

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250