sabato 1 ottobre 2016 - Aggiornato alle 12:22
10 giugno 2016 Ultimo aggiornamento alle 11:44

Fontivegge, anni di spaccio, detenzioni a Capanne e aggressioni alle forze dell’ordine: rimpatriato

Solo dopo che nelle scorse ore la polizia è riuscita a dargli un nome certo un 30enne è stato scortato a Tunisi a bordo di un aereo. Alle spalle un lungo curriculum criminale

Fontivegge, anni di spaccio, detenzioni a Capanne e aggressioni alle forze dell’ordine: rimpatriato
La stazione di Fontivegge

Almeno cinque episodi di resistenza a pubblico ufficiale, spaccio di droga e lunghe detenzioni a Capanne. Un ‘curriculum’ che lo ha fatto conoscere specialmente in quell’area di Fontivegge che va da via del Macello a via Gallenga, territorio in cui ha operato fin dal 2009, anno in cui era arrivato in Italia sbarcando a Lampedusa. Più volte condannato per stupefacenti (ogni volta che agenti o carabinieri lo hanno pizzicato è fuggito o ha alzato le mani contro di loro) il 30enne tunisino nelle scorse ore è stato rimpatriato con la forza a Tunisi, città nella quale è stato scortato dagli agenti dell’Ufficio immigrazione della questura di Perugia. Un’espulsione fino a ora impossibile dato che non era stata chiarita con certezza quale fosse la sua reale identità. Nelle scorse ore i poliziotti sono riusciti a dargli un nome e quindi a pianificare le operazioni volte al rimpatrio. Gli agenti della mobile lo hanno catturato e quelli dell’Ufficio immigrazione lo hanno scortato prima a Roma e poi, a bordo dell’aereo, fino a Tunisi, essendosi lo straniero opposto in ogni modo al suo ritorno in patria.

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

-->

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250