sabato 1 ottobre 2016 - Aggiornato alle 00:00
17 agosto 2016 Ultimo aggiornamento alle 10:09

Foligno, minaccia il capotreno e causa mezz’ora di ritardo: rischia di dover pagare 15 mila euro

Il viaggiatore senza biglietto denunciato dalla polfer, ma Trenitalia avvia azioni legali

Foligno, minaccia il capotreno e causa mezz’ora di ritardo: rischia di dover pagare 15 mila euro
La stazione di Foligno

Minaccia il capotreno e causa mezz’ora di ritardo, ora rischia di dover pagare 15 mila euro a Trenitalia. E’ già stato denunciato per minaccia a pubblico ufficiale, l’uomo pizzicato senza biglietto all’interno di un convoglio che stava percorrendo la tratta Foligno-Perugia. Il viaggiatore è stato quindi multato dal capotreno non è sceso dal treno e ha proseguito il viaggio. L’uomo, dopo essere stato nuovamente avvicinato dal dipendente del gruppo Ferrovie dello Stato, si è imbarcato in una discussione che presto ha assunto toni accesi fino ad arrivare alle minacce ai danni del capotreno. Il caso si è risolto anche grazie all’intervento di altri passeggeri che si sono intromessi e hanno convinto l’uomo a scendere dal treno. Lo show intanto è costato al viaggiatore senza biglietto una multa e una denuncia formalizzata dagli agenti della polizia ferroviaria che contestano la minaccia a pubblico ufficiale, ma le ripercussioni amministrative potrebbero essere anche più pesanti. Trenitalia, infatti, si è riservata azioni legali nei confronti dell’uomo al quale potrebbe chiedere un risarcimento pari a 516 euro per ogni minuto di ritardo causato. Che per mezz’ora fa oltre 15 mila euro.

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

-->

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250