domenica 25 settembre 2016 - Aggiornato alle 03:57
17 giugno 2016 Ultimo aggiornamento alle 18:02

Foligno, la consigliera Trombettoni lascia il gruppo Pd e passa al Misto: «Mie istanze inascoltate»

L'esponente già da tempo distante dalla maggioranza fa ufficialmente un passo indietro: «Ho subito anche attacchi personali, ormai non ci sono margini per invertire la rotta»

Foligno, la consigliera Trombettoni lascia il gruppo Pd e passa al Misto: «Mie istanze inascoltate»
Lorella Trombettoni (foto Preziotti)

di Chia.Fa.

Lorella Trombettoni lascia il gruppo Pd e passa al Misto. È stato ufficializzato venerdì mattina di buon’ora il passo indietro della consigliera ormai da tempo attestatasi su posizione distinte da quelle della maggioranza: «Le mie istanze – scrive in una nota – sono rimaste inascoltate».

Trombettoni lascia il gruppo Pd Trombettoni il mese scorso si era dimessa dalla presidenza della commissione bilancio anche a causa della questione Fils, la partecipata del Comune di Foligno coi conti in rosso e un futuro ancora tutto da tratteggiare. La mossa della consigliera, che passando al gruppo Misto segue il percorso già fatto da Elio Graziosi, anche lui eletto nelle fila Pd, e certifica l’assenza di una maggioranza a sostegno della giunta guidata dal sindaco Nando Mismetti, che sempre nell’ultimo anno ha perso altri tre consiglieri Moreno Finamonti (Pd), Lorenzo Schiarea (Movimento per Foligno) e Roberto Ciancaleoni (Socialisti).

«Mie istanze inascoltate» La decisione della consigliera Trombettoni sembra correre su due binari: «Dopo aver a lungo riflettuto, ritengono che non ci siamo pi le condizioni per continuare fino al termine della legislatura l’esperienza politica all’interno del gruppo Pd. Il cambiamento, lo scatto in avanti, il taglio col passato l’innovazione nel modus operandi da me più volte richiesti in questi due mandati elettorali, sono stati inascoltati, la mia voce fuori dal coro è sempre stata punita anche colpendo la sfera personale e professionale».

Veleni Dalle istanze politiche ai veleni il passo è breve: «Le divergenze di opinione, quando non hanno altri appigli non devono e non possono sconfinare nella denigrazione personale. Fare politica significa anche scontrarsi e battersi con forza per le proprie idee, ma sempre con alto senso del rispetto per le persone e per la loro dignità». Regola basilare che per Trombettoni sarebbe venuto meno, tant’è che «l logoramento dei rapporti è tale da non poter più invertire il senso di marcia».

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250