lunedì 26 settembre 2016 - Aggiornato alle 12:25
21 luglio 2016 Ultimo aggiornamento alle 19:34

Ferelle, ‘caso Blanco': per la calcettista squalifica di 3 mesi ma paga anche la Ternana futsal

Multa da 3.000 euro e Raffaele Basile inibito per 40 giorni. La società: «Chiederemo di riottenere i 7.400 euro intascati da Gimena e 100.000 euro per danno d’immagine»

Ferelle, ‘caso Blanco': per la calcettista squalifica di 3 mesi ma paga anche la Ternana futsal

La Ternana femminile parla di vittoria, considerata la squalifica di tre mesi inflitta a Gimena Blanco «per avere, in violazione dei principi di lealtà, correttezza e probità – si legge nel comunicato della Procura federale – convenuto con la società rossoverde un ingaggio di 37 mila euro per il tesseramento in favore del team umbro per la stagione sportiva 2015-2016 e incassato dalla Ternana futsal la somma di 7.400 euro quale acconto sull’ingaggio contrattuale pattuito, per poi tesserarsi per altro club senza restituire l’anticipo». Una mezza sconfitta però la incassa anche la stessa società, costretta, nell’ambito dello stesso caso Blanco al pagamento di una multa da 3 mila euro per il comportamento del presidente Raffaele Basile (inibito per 40 giorni) che avrebbe agito nei confronti della calcettista argentina in assenza di regolare accordo economico.

Ternana femminile I Basile comunque non si danno per vinti e anzi commentano: «La Ternana calcio femminile comunica di ritenersi soddisfatta per la conclusione sulla vicenda del ‘caso Blanco’. Seppur riteniamo che una squalifica di 3 mesi, data a una giocatrice, con inizio in questo periodo sia solamente una pena parziale, siamo soddisfatti che la Procura abbia riconosciuto che la giocatrice abbia sottratto la caparra dell’accordo e sia fuggita dagli impegni presi per tesserarsi con un’altra società in modo oscuro e non corretto. Allo stesso tempo informiamo che tramite l’avvocato Massimo Carignani verrà chiesto nulla osta per riottenere in sede civile la caparra di 7.400 euro e per richiedere, alla giocatrice Maria Gimena Blanco, danni d’immagine e sportivi pari a circa 100 mila euro. Sperando che la suddetta si prenda le proprie responsabilità e non rimanga nel proprio paese d’origine per gabbare la legge italiana e la sentenza della Procura federale».

Claudia Brandolini Non solo, la Società Ternana calcio femminile guarda anche avanti: raggiunto l’accordo con la giocatrice Claudia Brandolini per la prossima stagione. La calcettista classe 1992 ha giocato nell’ultima stagione con la Lazio Femminile, cresciuta e formata nel Montesilvano la giovane abruzzese è un laterale dalle prospettive importanti: «Sono sicura di aver fatto la scelta migliore per me stessa come persona e come giocatrice, in una Società come la Ternana potrò sicuramente continuare nel mio percorso di crescita sportivo e spero di poter dare il mio contibuto anche qui, dove c’è un ambiente fantastico. Credo di aver ancora molto da imparare, sono giovane quindi ho ancora ampi margini di miglioramento. Qui ho la possibilità di giocare con delle grandissime giocatrici e di apprendere da loro, quindi l’obiettivo che mi pongo è quello di continuare a migliorarmi e magari chissà regalare qualche soddisfazione ai tifosi e alla Ternana».

 

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250