Currently set to Index
Currently set to Follow
venerdì 3 dicembre - Aggiornato alle 01:51

Perugina da 20 anni nella Ue: «Amo questo ambiente internazionale ma mi manca l’Umbria»

Laura Corrado fa la funzionaria a Bruxelles: «Il Covid mi ha tenuto lontana da casa. Combattiamo la nostalgia organizzando la sagra della porchetta»

Laura Corrado

di Matilde Mencarelli

«Una volta all’anno organizziamo la sagra della porchetta». Così Laura Corrado, umbra a Bruxelles, ci racconta come trascorrono il tempo insieme i nostri corregionali quando la nostalgia di casa si fa sentire. Lei è una perugina Doc, laureata in Relazioni Internazionali all’Università degli Studi di Perugia, ha sentito da sempre il bisogno di vivere in un ambiente internazionale. È una delle prime generazioni del progetto Erasmus, il quale permette ai giovani europei di andare a studiare all’estero in uno degli atenei dei paesi dell’Unione. «L’Erasmus in Francia mi ha formata, mi ha permesso di vivere un’esperienza unica ed è proprio lì che ho dato l’esame di Diritto dell’Unione europea». Insomma, la passione per l’Unione europea già si faceva sentire tra i banchi universitari e, dopo la laurea, si trasformerà nella sua professione. Laura, infatti, lavora in Commissione da più di venti anni, ora è nella Direzione generale della Migrazione e degli affari interni ed è a capo dell’Unità dei percorsi legali e di integrazione.

Tra Belgio e Umbria «Il bello di vivere in questa città e di lavorare in una delle più grandi istituzioni dell’Ue è quello di essere immersa in un ambiente internazionale, in cui ogni giorno è gratificante e motivante perché è totalmente diverso da quello precedente». Un ambiente molto diverso dalla nostra tranquilla ed eterea Umbria. Ma come si organizzano gli italiani, e soprattutto i nostri corregionali quando vogliono abbattere le distanze e ritornare alle proprie origini? «Ci sono molti network e diverse piattaforme con cui possiamo condividere i nostri pensieri e tramite i quali possiamo organizzarci per cene ed eventi vari». Da bravi umbri non dimenticano le tradizioni regionali e, oltre alla sagra gastronomica annuale, organizzano serate karaoke e cene in cui stanno tutti insieme, per tenere sempre viva l’Umbria che è dentro di loro.

Il Covid e l’impossibilità di ritornare a casa Data la situazione Covid, però, lo spirito umbro dorme da più di un anno. «Ho nostalgia di casa, di rivedere la mia famiglia e anche Perugia». Lei, infatti, è una delle tante italiane (e italiani) all’estero che non riescono a tornare a casa dallo scoppio della pandemia. «La situazione Covid è difficile in tutta Europa, sia che lo Stato si chiami Italia o Belgio». Speriamo che l’attuale situazione vaccinale migliori in modo da augurare a tutti, specialmente a Laura, di poter riabbracciare la sua famiglia il più presto possibile e in totale sicurezza.

Articolo realizzato nell’ambito del Progetto FISE- Europe Direct Terni – Comune di Terni –Dip. di Scienze Politiche dell’Università di Perugia, con il cofinanziamento della Commissione Europea

 

I commenti sono chiusi.