martedì 27 settembre 2016 - Aggiornato alle 15:50
27 aprile 2016 Ultimo aggiornamento alle 18:24

Era il 30 aprile 1986, l’Italia si connette a internet: 30 anni dopo a Perugia per i festeggiamenti

#InternetdayPG talk tra i protagonisti di ieri e quelli di domani: appuntamento divertente tra studenti ed esperti

Era il 30 aprile 1986, l’Italia si connette a internet: 30 anni dopo a Perugia per i festeggiamenti

Trent’anni fa un gruppo di entusiasti pionieri collegò l’Italia a Internet, tra i primi paesi in Europa. Era il 30 aprile del 1986: il segnale partì dal Centro universitario per il calcolo elettronico del Cnr di Pisa (Cnuce) e arrivò alla stazione di Roaring Creek, in Pennsylvania. «Non immaginavamo che da lì sarebbe partito un processo che ha portato tre miliardi di persone a collegarsi nel mondo e che quello fosse l’inizio della società dell’informazione», ha spiega all’Ansa – secondo quanto diffuso da una nota dell’università di Perugia – Stefano Trumpy, a quel tempo direttore del Cnuce e uno degli ‘evangelisti’ che portò il nostro paese a quel traguardo storico. Insieme a lui c’erano Luciano Lenzini, appassionato scienziato e ‘architetto’ del progetto, Antonio Blasco Bonito e Marco Sommani, cuore tecnico di quell’avventura.

L’appuntamento Trent’anni dopo, sabato 30 aprile dalle 9.30 alle 12.00 al Centro congressi capitini, alcuni esperti del settore e studenti si confronteranno in un simpatico talk e video dell’epoca, condotto da Alessandro Riccini Ricci, nel ricordo della vita ai tempi del modem a 14.4 kbps. Saranno ospiti: Stefano Quintarelli, parlamentare e presidente del Comitato di indirizzo dell’agenzia per l’Italia digitale, fondatore e amministratore di Inet, Gabriele Giottoli, esperto in telecomunicazioni, dirigente Aria Spa, gli studenti dell’Istituto Iteta Capitini V.Emanuele II A.di Cambio, saranno presenti il sindaco di Perugia Andrea Romizi e l’assessore ai Lavori pubblici, infrastrutture, Perugia digitale, Francesco Calabrese. Alle ore 18.30 presentazione del libro ‘Costruire il domani’ di Stefano Quintarelli al Caffè di Perugia.

 

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250