giovedì 29 settembre 2016 - Aggiornato alle 12:09
5 agosto 2016 Ultimo aggiornamento alle 17:17

«Equals», ennesima variazione sul tema di una società futura che elimina sentimenti e contatti

Il regista di «Like crazy» torna con un'idea vecchia e stanca che non ha nulla di nuovo da offrire rispetto a una filmografia fantascientifica lunga almeno sessant’anni

«Equals», ennesima variazione sul tema di una società futura che elimina sentimenti e contatti

di Gordon Brasco

L’unica cosa sensata da dire dopo aver visto questo film è «che noia che barba, che barba che noia». Sandra Mondaini resisteva appena cinque minuti alla lettura della Gazzetta dello sport di suo marito Raimondo figuriamoci un’ora e mezza di questo diafano piattume targato Drake Doremus, uno che ha vinto il premio della giuria al Sundance Festival del 2011 (con «Like Crazy») e che da allora dev’essersi perso in qualche corridoio a Hollywood, rispuntando ora con questa roba. L’idea di una società futura dove i sentimenti e il contatto fisico sono oramai superati è talmente vecchia e stanca da suscitare più rassegnazione che interesse e poi basta con queste fantasie da blockbuster degli anni ’50: è dalla fine della seconda guerra mondiale che si teorizzano scenari di umani futuri dediti solo alla purezza del pensiero, e invece in sessant’anni il massimo che abbiamo tirato fuori non è una civiltà votata alla meditazione o alla filosofia ma cellulari con cui catturare i pokemon. A questa partenza povera di contenuti e di pathos si aggiunge la solita storiella d’amore che tanto piace alla nonna seduta sulla sua poltrona di vimini in salotto ma che in un multisala ghiacciato (la temperatura dell’aria condizionata normalmente è fissa su glaciazione) ha l’effetto di un calcio negli zebedei.

Nulla di nuovo Dopotutto se pure Shakespeare si è cimentato con l’argomento di un amore nascosto e contrastato (Romeo e Giulietta) capirete che non ci troviamo proprio di fronte a qualcosa di rivoluzionario, in più aggiungiamo una recitazione incolore (perfettamente abbinata alla scenografia) e dialoghi da Bacio Perugina e il flop è servito. Il regista a metà film deve essersi accorto della deriva soporifera della storia e prova in un paio d’occasioni a risvegliare attori e pubblico con delle trovate fantasiose. Peccato che questi guizzi di vitalità siano modesti e incapaci di ridare verve a una narrazione avviata a spegnersi miseramente. Insomma vale la pena spendere dei soldi per questa roba? Secondo me no: non ho nulla contro le tesi futuristiche di società umane radicalizzate in una loro peculiarità, sia essa il puro pensiero, la guerra o sferruzzare a maglia ma che siano in qualche modo interessanti e originali. Questo film non ha nulla di nuovo da offrire rispetto a una filmografia fantascientifica lunga almeno sessant’anni per non parlare del tema «amore segreto» le cui origini si perdono nella notte dei tempi e allora? Allora l’unica certezza andando a vedere questo Equals è che vi ammazzerete di noia, rimpiangerete di non esservi visti la millesima replica di Don Peppone sdraiati sul divano in salotto a maledire il caldo estivo che vi opprime.

Un film di Drake Doremus. Con Kristen Stewart, Nicholas Hoult, Guy Pearce, Jacki Weaver, Kate Lyn Sheil. Fantascienza, Ratings: Kids+13, durata 101 min. USA 2015. Lucky Red.

Trama: In un futuro privo di avidità, violenza e povertà, ma anche di sentimenti, una malattia inizia a colpire la popolazione risvegliando emozioni sopite: il morbo restituisce agli uomini l’amore, la depressione, la sensibilità e la paura. I malati vengono rapidamente emarginati e allontanati dalla società. In questo contesto, i due giovani Nia e Silas vivono sulla loro pelle i dilemmi provocati da una relazione proibita.

Perugia
Gherlinda: 17.20 / 19.45 / 22.10
Uci Cinemas Perugia: 17.25 / 19.50 / 22.15

Terni
The Space: 18.00 / 20.15 / 22.35

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250