martedì 27 settembre 2016 - Aggiornato alle 05:36
27 aprile 2016 Ultimo aggiornamento alle 12:26

Edilizia scolastica, dal governo altri 3 milioni per l’Umbria: la lista con tutti gli interventi

Finanziate le richieste di undici Comuni e delle due Province. In tutta Italia stanziati 480 milioni di euro

Edilizia scolastica, dal governo altri 3 milioni per l’Umbria: la lista con tutti gli interventi
Una classe

di D.B.

Ammontano a tre milioni di euro i fondi per l’edilizia scolastica della regione stanziati dal governo. Mercoledì infatti, dopo il via libera della Conferenza Stato-Città, il premier Matteo Renzi ha firmato il decreto che garantisce altri 480 milioni di euro per le scuole italiane, fondi messi a disposizione dalla manovra 2016. In totale verranno finanziati 3.500 interventi in 1.508 diverse realtà e, per quanto riguarda l’Umbria, si parla complessivamente di 2,996 milioni di euro per 13 interventi tra la provincia di Perugia e quella di Terni: i più importanti riguardano Bastia Umbra (621 mila euro), Città di Castello (440 mila euro), Lugnano in Teverina (417 mila euro) e Amelia (286 mila euro). Per quanto riguarda quattro finanziamenti, ovvero Amelia, Torgiano e le due Province, questi ricadono nell’elenco A, cioè tra quelli coperti integralmente dal governo, mentre gli altri hanno subito un taglio del 55 per cento rispetto alle cifre richieste in un primo momento.

TUTTI GLI INTERVENTI

I numeri Questi tre milioni si aggiungono allo stanziamento, più sostanzioso, fatto a metà 2015 quando il ministero dell’Istruzione ha approvato 127 interventi richiesti dagli enti locali della regione per un totale di 67 milioni di euro di lavori. «La distribuzione – spiega il deputato umbro del Pd Giampiero Giulietti, membro della commissione Bilancio – dipende dalla geografia dei progetti che gli enti locali hanno dovuto inviare entro il primo marzo alla struttura di missione di Palazzo Chigi, e la parte da protagonista è svolta dai Comuni che si aggiudicano 395,7 milioni, cioè l’82,4 per cento della dote complessiva (il resto va alle Città metropolitane per il 5,3 per cento e alle Province per il 12,3 per cento). In 285 casi, che nel loro complesso valgono circa 180 milioni, sono state accolte integralmente le richieste di finanziamento, relative a opere già avviate con le puntate precedenti dei “bonus” per l’edilizia scolastica: gli altri 300 milioni vanno invece a nuovi progetti, che sono finanziati per il 55 per cento dell’importo richiesto».

I 127 INTERVENTI DEL 2015

Giulietti I dati mettono in evidenza come siano state le regioni del nord ad aver risposto in modo più attivo ottenendo oltre il 62 per cento dei fondi, mentre il 43 per cento delle risorse sono andate a Comuni con meno di 5 mila abitanti (in 45 casi hanno meno di mille residenti). «La salute della scuola – dice Giulietti – è un tema scritto ai primi punti dell’agenda politica. In tutto sono stati aperti 3.766 cantieri, di cui 2.435 già chiusi. E questo vuol dire quasi 50 mila posti di lavoro in più se consideriamo anche i cantieri in partenza nel 2016. Sulla scuola davvero non si scherza». Di seguito pubblichiamo la lista degli interventi (la sigla «A» sta a indicare che l’intervento è stato integralmente finanziato, mentre per tutti gli altri riportiamo la cifra richiesta originariamente).

Comune di Amelia 286.826 (A)
Comune di Torgiano 225.875 (A)
Provincia di Perugi 103.271 (A)
Provincia di Terni 136.235 (A)
Comune di Basta Umbra 621.758 (1,4 milioni di euro)
Comune di Calvi dell’Umbria 168.763 (380 mila euro)
Città di Castello 440.742 (992 mila euro)
Comune di Fratta Todina 166.690 (375 mila euro)
Comune di Lugnano in Teverina 417.456 (940 mila euro)
Comune di Monte Castello di Vibio 21.273 (48 mila euro)
Comune di Narni 208.733 (470 mila euro)
Comune di Orvieto 39.970 (90 mila euro)
Comune di Perugia 158.992 (358 mila euro)

Twitter @DanieleBovi

©Riproduzione riservata

COMMENTA LA NOTIZIA

Attezione!

Per commentare puoi loggarti con l'account social che preferisci, facebook, twitter, google plus, oppure creare un nuovo account sulla piattaforma disqus.
Leggi la guida su come inserire un commento ed interagire con la community.

// CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO

Condividi

banner 300x250
banner 300x250
banner 300x250