Currently set to Index
Currently set to Follow
sabato 24 ottobre - Aggiornato alle 13:22

Vendita Tk Ast, l’azienda detta i tempi: «Nuovo step tra ottobre e dicembre»

Vertice tra sindacati e ad Burelli. Le sigle: «Sulle manifestazioni di interesse non ci sono aggiornamenti»

Tra ottobre e dicembre un nuovo passaggio formale per la vendita di Ast. E’ uno dei passaggi emersi dall’incontro avvenuto nella mattinata di mercoledì tra le segreterie territoriali di Fim, Fiom, Uilm, Fismic, Ugl e Usb,  e l’amministratore delegato di Acciai Speciali Terni, Massimiliano Burelli, su richiesta delle organizzazioni sindacali.

I tempi La direzione aziendale ha illustrato il percorso che vedrà dal primo ottobre 2020 Ast all’interno della divisione multi-track, con l’individuazione di una banca di affari tra ottobre e dicembre che di fatto avvia la procedura di vendita, tardando tra l’altro il percorso già annunciato al Mise nel mese di luglio 2020. Al momento dall’incontro non sono emerse novità sulle manifestazioni informali già comunicate.

I sindacati «Registriamo positivamente – scrivono le sigle in una nota – che sul piano dei volumi viene confermato un incremento degli stessi per ottobre e novembre. Riteniamo però pericoloso e non accettabile la preclusione dell’azienda nel rispettare i livelli occupazionali previsti, visto anche il non rinnovo di 17 lavoratori somministrati e i continui spostamenti del personale, che aumentano lo stato di preoccupazione e incertezza dei lavoratori. Il reintegro e Il rinnovo dei contratti di somministrazione si rendono, invece, necessari a garantire gli organici tecnologici anche in vista dell’aumento dei volumi e dei futuri assetti industriali. Le segreterie territoriali hanno chiesto il rispetto dell’accordo in scadenza il 30 settembre 2020. L’azienda in riferimento al contesto generale e di vendita non si è resa disponibile a tale soluzione, né a impegnarsi con un nuovo piano per il futuro. In questo quadro le segreterie territoriali si rendono indisponibili, al di là del blocco dei licenziamenti, a discutere qualsiasi tipo di ristrutturazione che preveda esuberi di personale operaio, impiegato e quadri e contestualmente invieranno la richiesta di ultra-attività degli accordi relativamente alla parte economica. Inoltre, l’amministratore delegato non si è reso disponibile a discutere oggi i badget produttivi, economici e finanziari come da ordine del giorno della riunione, rinviando la discussione alla metà di ottobre. A nostro parere questa impostazione è ulteriormente destabilizzante per il territorio. Impegneremo tutti gli attori deputati a garantire il futuro certo dello stabilimento».

I commenti sono chiusi.