Quantcast
sabato 27 novembre - Aggiornato alle 00:35

Umbria Jazz Winter, da oggi si paga anche con i bitcoin: il Gruppo Cramst lancia la criptovaluta

Gli eventi si potranno saldare anche con il nuovo sistema finanziario che sta crescendo in tutto il mondo

Gli eventi del Gruppo Cramst potranno essere pagati anche con i bitcoin. Questa la novità che riguarda anche Umbria Jazz Winter. Per gli appassionati di tecnologia e finanza dunque ecco la possibilità di poter conoscere più da vicino questa realtà, magari provandola in concreto. Anche perché i bitcoin in questi giorni spopolano in Borsa e provocano riflessioni in tutto il mondo.

Cosa sono i Bitcoin? A differenza della maggior parte delle valute tradizionali, il sistema Bitcoin non fa uso di un ente centrale né di meccanismi finanziari sofisticati. Il valore è determinato dalla leva domanda e offerta. La rete Bitcoin consente il possesso e il trasferimento anonimo delle monete e i dati necessari a utilizzare i propri bitcoin possono essere salvati su uno o più personal computer o dispositivi elettronici quali smartphone, sotto forma di “portafoglio” digitale, o mantenuti su terze parti che svolgono funzioni simili a una banca.

Si parte a Orvieto Grazie a questo sistema, durante i giorni di Umbria Jazz WInter #25 a Orvieto, dal 28 dicembre 2017 al  primo gennaio 2018, «sarà possibile – come spiega una nota del Gruppo Cramst – pagare presso  le location del festival gestite dal Gruppo Cramst anche con i Bitcoin. Basterà presentarsi alla casa e richiedere il pagamento con la criptovaluta e grazie alla tecnologia Bitcoin Checkout sarà possibile effettuare la transazione direttamente dallo smartphone tramite la lettura di un qrcode. Ci sarà l’opportunità di poterli spendere anche per prodotti reali, dai Jazz Lunch, Jazz Dinner  e Cenone di Fine Anno e di Fine Festival al Ristorante al San Francesco oppure per il Cenone di Fine Anno al Palazzo dei Sette Meeting Point».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.