Currently set to Index
Currently set to Follow
lunedì 16 maggio - Aggiornato alle 19:32

Umbria al top per imballaggi di plastica differenziata: due terzi vengono riciclati

Corepla tira le fila sul 2021 segnalando che in regione ogni cittadino salva 32 kg di quel rifiuto, meglio fa solo la Sardegna

di C.F.

Umbria medaglia d’argento per quantità di imballaggi in plastica avviate a riciclo.

Umbria al top per plastica avviata a riciclo Il risultato emerge a margine dell’assemblea annuale di Corepla (consorzio nazionale per la raccolta, il riciclo e il recupero degli imballaggi in plastica) che segnala come nel 2021 il bilancio sui volumi dello specifico rifiuto conferito in discarica sia aumentato del 3 per cento. In particolare, in Italia si è sfiorata quota 1,5 milioni di tonnellate con un livello procapite di imballaggi in plastica trattati che segna 24,9 kg, mentre la classifica regionale è guidata dalla Sardegna con 34 kg per ogni abitante e dall’Umbria con 32 kg.

Riciclato due terzi della differenziata «I numeri  attestano che la strada è quella giusta, ma ora è necessario uno sforzo ulteriore da parte di tutti per mantenere l’eccellenza che abbiamo raggiunto in termini di percentuale di raccolta differenziata degli imballaggi in plastica e di avvio a riciclo» ha dichiarato il presidente di Corepla Giorgio Quagliuolo, mentre nel corso dei lavori è emerso come nel 2021 Corepla abbia riciclato 684 mila  tonnellate di rifiuti di imballaggio in plastica, prevalentemente provenienti da raccolta differenziata urbana, a cui si somma il lavoro di  operatori industriali indipendenti provenienti dalle attività commerciali e industriali, che hanno riciclato altre 299 mila tonnellate.

Si brucia plastica non riciclabile Complessivamente, dunque, a fronte di 1,5 milioni di tonnellate differenziate due terzi sono avviate a riciclo, mentre sempre da Corepla viene spiegato che sono stati avviati a recupero energetico 314.964 tonnellate che sono state utilizzate per produrre energia al posto di combustibili fossili nell’85,8 per cento in cementifici e per il restante 14,2 in termovalorizzatori .

I commenti sono chiusi.