lunedì 19 agosto - Aggiornato alle 11:49

Terni, registro imprese: 14 fallimenti in soli tre mesi, negativo il primo trimestre 2019

Imprenditoria femminile in crisi, disoccupazione giovanile a livelli di guardia, Flamini: «Servono misure straordinarie»

Un gruppo di persone al lavoro

Negativo il saldo tra le imprese che hanno aperto e quelle che hanno chiuso l’attività nel primo trimestre del 2019. Tra gennaio e marzo si sono iscritte al Registro della Camera di Commercio di Terni 438 aziende a fronte di 478 che hanno chiuso nello stesso periodo. Sostenuto il numero delle liquidazioni di impresa e di quelle che sono entrate in scioglimento. Nel primo trimestre sono state 116, il 18,4% in più rispetto allo stesso trimestre del 2018. I fallimenti sono stati 14 (il 7,7% in più a livello congiunturale), il settore economico che nel primo trimestre ha sofferto di più è stato quelle delle attività manifatturiere che ha registrato 4 fallimenti, 3 nel comparto delle costruzioni.

Flamini lancia l’allarme «L’andamento del tessuto economico è la fotografia in chiaro scuro delle difficoltà che sta attraversando il nostro territorio in cerca di chiavi di volta per il rilancio – sottolinea il presidente della Camera di commercio di Terni, Giuseppe Flamini – il nostro Ente camerale dispone di strumenti a sostegno delle imprese che vanno nella direzione di far crescere le competenze degli imprenditori, del personale, che offrono voucher per
agganciare le nuove opportunità offerte dall’economia digitale. Sosteniamo l’internazionalizzazione e stiamo lavorando, insieme alle altre istituzioni, per far crescere il richiamo turistico del nostro territorio con il brand Terre di San Valentino in cui crediamo molto e non solo. Ma è certo che servono misure straordinarie per la crescita – conclude Flamini – il Pil della nostra regione è ormai agganciato a quello delle regioni meridionali e la disoccupazione giovanile ha raggiunto i livelli di guardia, mi auguro che si riescano intanto a cogliere le opportunità offerte dal riconoscimento di area di crisi complessa e che arrivino a concretezza le ipotesi di nuovi importanti insediamenti industriali sul territorio».

Inizio anno di particolare criticità Tra le società di capitali, 11 sono fallimenti. Decisamente dinamico il tessuto imprenditoriale straniero. Da gennaio a marzo sono state 103 le aziende che si sono iscritte al Registro Imprese
della Camera di Commercio di Terni. Un vero balzo in avanti se si considera a che a livello percentuale rispetto allo stesso periodo dello scorso anno il salto è del 151%. Tra i settori in crescita quello dei servizi alle imprese; seguono il commercio e le costruzioni. Arretra invece la componente straniera nel settore dell’industria. È quanto emerge dal cruscotto di indicatori statistici, realizzato da Infocamere ed elaborato dall’Ufficio Informazione economica della Camera di Commercio di Terni, che fornisce, a cadenza trimestrale, un insieme organico di dati rilevanti per l’analisi e la valutazione della struttura e dei trend economico-produttivi della provincia. Anche questo primo trimestre dell’anno segna il perdurare della crisi per le imprese femminili. A livello congiunturale nel primo trimestre del 2019 il territorio registra il 15% in meno di iscrizioni (sono state 91 in valore assoluto), con flessioni del 63% nel settore cooperativo e nell’industria del 50%. Il dato occupazionale registra invece una sostanziale tenuta. Crescono gli addetti nei servizi alle imprese del 2,2%, dell’1,8% nel comparto dell’industria e dell’1,4% nel turismo. Si assottiglia invece il mercato occupazionale nel comparto dell’assicurazione e credito che perde il 2% degli occupati.

 

I commenti sono chiusi.