sabato 15 dicembre - Aggiornato alle 13:25

Terni, dipendenti comunali in stato di agitazione: il prefetto convoca le parti

Nuova riunione dopo l’assemblea dei dipendenti di Palazzo Spada: verso il blocco degli straordinari

Palazzo Spada (Foto Rosati)

di Massimo Colonna

Nuovo incontro tra Comune e rappresentanti dei lavoratori giovedì, dopo l’assemblea dei dipendenti di Palazzo Spada da cui è emersa la volontà unanime di proclamare lo stato di agitazione contro le politiche di riorganizzazione del personale messe in campo dalla nuova giunta. Giovedì è andato in scena un nuovo vertice in cui i lavoratori hanno confermato di fatto la volontà di procedere sulla propria linea: prende corpo l’ipotesi del blocco dei lavori straordinari, che potrebbe verificarsi domenica 16 dicembre, giorno della fiera di Santa Lucia.

Il prefetto Come vuole il protocollo, dopo gli ultimi incontri, la parola ora passa al prefetto Paolo De Biagi, che a stretto giro di posta ha la facoltà di convocare le due parti, Comune e rappresentanti dei lavoratori. Si va verso un nuovo tavolo dunque, in prefettura, per scongiurare azioni concrete da parte degli oltre settecento dipendenti comunali. Tra queste, quelle al momento sul tavolo sono il blocco degli straordinari, tema particolarmente caldo in particolare per i vigili urbani, e la presenza dei dipendenti alle prossime sedute del consiglio comunale, magari affiancati anche da altre categorie di lavoratori in città che vivono situazioni di disagio. La questione dunque, a meno di novità che potrebbero emergere dai prossimi tavoli, rischia di sfociare in forme di protesta più consistenti.

@tulhaidetto

I commenti sono chiusi.