giovedì 20 luglio - Aggiornato alle 22:26

Terni, allarme Cgil: «Disoccupazione al 10,5% e produzione Ast ai minimi storici»

Sindacato attende svolta per Area di crisi complessa e lancia la quattro giorni ‘Diritti in piazza’, chiude Susanna Camusso

di Mar. Ros.

Le questioni aperte sono tante, il segretario generale della Cgil Attilio Romanelli in merito alla situazione industriale ternana parla di luci e ombre. Due dati su tutti: «La disoccupazione è al 10,5% e molte persone che hanno smesso di cercare lavoro, soprattutto sono over 40. Sul fronte Ast – sottolinea – la situazione è difficile, occorre chiarezza perché i volumi di fuso di maggio sono bassissimi, forse i più bassi di sempre; le fermate sono all’ordine del giorno e lo spauracchio vendita non è del tutto dissolto». Intanto una buona notizia è arrivata proprio nella mattinata di giovedì: la Linea 6 ha superato il primo test.

IL PUNTO DEL SEGRETARIO ATTILIO ROMANELLI: VIDEO

Il caso acciaieria di Terni Non a caso sono giorni di tensione all’interno del sito siderurgico Thyssenkrupp-Ast, dove le Rsu a seguito di contrasti emersi con la direzione del personale hanno proclamato due ore di sciopero per ogni turno. Oltre ad attendere risposte ‘senza nebbie’ da parte dei vertici aziendali, Romanelli attende una svolta nell’attivazione di strumenti a disposizione nell’ambito dell’Area di crisi complessa: «I sindacati sono stati convocati in Regione per i prossimi giorni, ci aspettiamo non sia l’ennesimo incontro informativo». Il segretario poi non nega un clima di sfiducia verso il sindacato in senso lato: «È un problema che la Cgil al suo interno sta affrontando». E da via San Procolo intanto la confederazione lancia ‘Diritti in piazza’, una quattro giorni dedicata ad attualità, lavoro e formazione non senza intrattenimento. Chiude il giro di dibattiti la numero uno del sindacato nazionale Susanna Camusso e il calendario di spettacoli la Bandabardò.

Cgil Terni «Un evento più che una festa – spiega Romanelli – perché viste le tante criticità che continuano ad attraversare il territorio ternano quello di cui c’è fortemente bisogno è uno spazio per il confronto e il dibattito e se abbiamo scelto la piazza (Piazza Europa) è perché questa non sia solo luogo di protesta ma anche di proposta». La quattro giorni promossa dalla Cgil di Terni è in programma dal 24 al 27 maggio e vedrà intrecciarsi momenti di riflessione su temi di attualità e interesse per il territorio con appuntamenti musicali che animeranno la città. «Pensiamo che in questa fase difficile per Terni sia importante rafforzare i livelli della partecipazione per contrastare quelle spinte alla divisione e alla parcelizzazione che da tempo stanno indebolendo il nostro tessuto sociale – ha spiegato Romanelli – e non a caso, i temi scelti per i 4 dibattiti in programma (uno per ogni giorno dell’evento) sono strettamente collegati alle vicende del territorio.

Diritti in piazza Mercoledì 24 maggio alle ore 17, presso la sala del Consiglio Comunale di Terni si comincia con la presentazione del libro ‘Calendario laico’ di Alessandro Portelli, un progetto di scrittura collettiva per una memoria laica, popolare e democratica degli italiani. Insieme all’autore ne parleranno lo storico Claudio Carnieri e Lucia Rossi, segretaria dello Spi Cgil nazionale. La sanità che vogliamo sarà invece il tema al centro del dibattito di giovedì 25 maggio (ore 17 sala consiglio comunale). Coordinati da Giorgio Lucci, segretario generale della Fp Cgil di Terni, interverranno Maurizio Dal Maso, direttore generale dell’Azienda ospedaliera di Terni, Imolo Fiaschini, direttore generale Usl Umbria 2, Francesco Fiorello, coordinatore direzione medica Fp Cgil dell’Azienda ospedaliera di Terni, Gianluca Mezzadri, responsabile nazionale Fp Cgil professioni sanitarie, e Serena Sorrentino, segretaria generale Fp Cgil nazionale. Venerdì 26 maggio sarà la giornata dedicata al rapporto tra scuola e lavoro con il dibattito “La scuola per un nuovo sviluppo industriale”, che vedrà confrontarsi Luigi Giove, segretario generale della Cgil Emilia Romagna (che porterà l’esempio dell’accordo per l’alternanza scuola-lavoro in Lamborghini), Luca Barbetti, segretario nazionale Filctem Cgil, Antonio Alunni, vicepresidente Confindustria Umbria, e Francesco Sinopoli, segretario generale Flc Cgil nazionale. Coordinerà i lavori Tommaso Dionisi, segretario generale Flc Cgil Terni.

Sabato 27 maggio Chiude Susanna Camusso intervistata dalla giornalista Rai Bianca Berlinguer. Appuntamento alle ore 19 in piazza della Repubblica. Parallelamente, ogni giorno il programma propone appuntamenti musicali (tutti in piazza della Repubblica, dalle 21.30) di grande interesse. Si parte mercoledì 24 con la Terni Jazz Orchestra & Friends, il giorno dopo tocca ad Ambrogio Sparagna con l’Orchestra popolare italiana, mentre venerdì sale sul palco la Med Free Orkestra. Infine, sabato, il concerto conclusivo che vedrà esibirsi la Bandabardò.

@martarosati28