giovedì 14 novembre - Aggiornato alle 00:42

Tagina, Presciutti: «Impegno del governo per proroga della Cigs nel Decreto terremoto»

Il sindaco di Gualdo Tadino ha visitato lo stabilimento insieme a Maurizio Martina proprio nel giorno di scadenza degli ammortizzatori sociali

©Fabrizio Troccoli

C’è l’impegno del governo a prorogare la cassa integrazione alla Tagina per 12 mesi inserendo la norma nel Decreto sisma, licenziato lunedì sera dal Consiglio dei ministri. A dare l’annuncio il sindaco di Gualdo Tadino, Massimiliano Presciutti, che ha visitato lo stabilimento insieme al deputato Pd, Maurizio Martina, proprio nel giorno di scadenza della Cigs per 34 lavoratori. L’ex ministro ha confermato ai dipendenti dell’azienda ceramica il massimo impegno per cercare di prorogare ulteriormente gli ammortizzatori sociali. Questo provvedimento, che consentirebbe il sostegno a tante famiglie, permetterà all’azienda di avere la possibilità di mantenere in forza i lavoratori e nel frattempo di portare avanti il proprio piano industriale per dare nuove prospettive di investimento e sviluppo, come era già stato già sancito nel verbale di accordo firmato lo scorso 19 settembre nella sede della Regione Umbria tra proprietà e sindacati.

Il sindaco ringrazia Presciutti, chiedendo di avere tempi celeri segnala che «la notizia della proroga mi fa ben sperare per una positiva risoluzione. Ringrazio sentitamente il governo nelle persone della sottosegretaria allo Sviluppo economico, Alessia Morani e della sottosegretaria al Lavoro Francesca Puglisi, che hanno preso l’impegno diretto di inserire la norma nel Decreto Sisma varato proprio ieri dal Consiglio dei ministri e l’onorevole Maurizio Martina, che sempre ieri è venuto a visitare l’Azienda Tagina prendendosi carico di questa vicenda confrontandosi direttamente con i lavoratori. Atti concreti per le persone e non propaganda è quello di cui ha bisogno la gente, la buona politica che si richiede, che non promette soltanto ma che invece cerca di portare risultati concreti per la comunità».

I commenti sono chiusi.