martedì 4 agosto - Aggiornato alle 01:32

Sangemini-Amerino, la vertenza passa per palazzo Donini: convocati sindacati e sindaci

Summit con la Regione per il ‘patto di territorio’ a difesa di produzioni, occupazione e storici marchi delle acque minerali

di M. R.

È convocato per martedì 14 luglio un vertice istituzionale alla presenza dei sindacati di categoria del settore agroalimentare che ne hanno fatto richiesta alla Regione, per consolidare il cosiddetto patto di territorio con i sindaci e i parlamentari umbri, un’intesa di ampio respiro per il futuro produttivo degli stabilimenti del gruppo Ami (Acque minerali d’Italia), le cui strategie commerciali risultano incomprensibili alle parti sociali. Tanto per dirne una, la proprietà ha attivato la cassa integrazione per i mesi estivi più caldi, quando cioè il consumo di risorse idriche è ai massimi livelli. La governatrice Tesei incontrerà quindi i rappresentanti sindacali di Flai Cgil, Fai Cisl e Uila Uil e i sindaci e i rappresentanti dei Comuni di San Gemini, Terni, Montecastrilli e Acquasparta. Sul tavolo le mosse da compiere al fine di salvaguardare i due siti umbri di Ami, le maestranze e i marchi.

 

I commenti sono chiusi.