Currently set to Index
Currently set to Follow
mercoledì 3 marzo - Aggiornato alle 03:20

Quantità e valori delle DOP e IGP dell’Umbria rispetto alle altre regioni: 34 prodotti per 110 milioni di euro

Il Pampepato di Terni è uno dei 14 prodotti italiani (primato mondiale) che si sono aggiunti solo nel 2020 al comparto di quelli a marchio Ue

Pampepato

di D.N.

I dati relativi al comparto dei prodotti a marchio Ue del settore agroalimentare rendono l’Italia un punto di riferimento in tale ambito. Infatti, gli 838 prodotti IG rappresentano il 26,8% di quelli registrati a livello mondiale e valgono al Paese il primo posto in assoluto, davanti a Francia e Spagna. Inoltre, soltanto nel 2020, si sono aggiunte 14 nuove IG (primato mondiale), tra cui il Pampepato di Terni IGP. Traducendo i dati in termini economici, il valore alla produzione si avvicina a 17 miliardi di euro al 2019, come fa notare il CESAR – Centro per lo Sviluppo Agricolo e Rurale, e in aumento rispetto al 2018 (+4,2%).

Umbria, cibo e vino Per quanto riguarda l’Umbria, con 34 prodotti a marchio Ue, incide in misura pari al 4,1%, per un valore alla produzione complessivo di 110 milioni euro. Numeri che collocano la regione rispettivamente al tredicesimo e al quindicesimo posto a livello italiano. Inoltre 46 milioni di euro provengono dal comparto “cibo” (13 prodotti), valore sul quale gravano in particolar modo le categorie “prodotti a base di carne” e “carni fresche”. Dall’altro lato, il comparto “vino” vanta 21 prodotti IG, tra cui 15 DOP, per 64 milioni e offre più della metà del valore regionale. I due comparti in esame hanno mostrato però due tendenze opposte. Infatti, mentre nel primo si è verificato un decremento del valore alla produzione del 13,6% rispetto al 2018, nel secondo è avvenuto un aumento pari al 14,4%, tanto da rendere la variazione di valore complessiva regionale stagnante, +0,7% (quarto valore italiano peggiore). Infine, effettuando un confronto con i dati delle regioni, emerge che l’Umbria risulta avere il secondo dato peggiore, dopo la Calabria, in termini di valore per prodotto.

I commenti sono chiusi.