Currently set to Index
Currently set to Follow
domenica 19 settembre - Aggiornato alle 11:42

Primi d’Italia apre il sipario a Umbrò con le ricette della Divina Commedia

Amoni: «A Foligno racconteremo l’alimentazione di Dante. È l’edizione della ripartenza». Il sindaco: «L’evento più importante della città dopo la Quintana»

Sicurezza, partenza e buon cibo. Dopo un anno di stop il festival de ‘I primi d’Italia’ torna a Foligno dal 23 al 26 settembre per la 22ma edizione che già si preannuncia ricca e gustosa. Alcune anticipazioni dell’evento sono state rivelate nel corso di una conferenza stampa che si è tenuta stamani a Umbrò dove è stato spiegato che l’anteprima del festival è affidata alla cena dantesca, per celebrare il 700mo anniversario della morte del poeta. Lo chef Shady presenterà le ricette tratte dalla Divina Commedia. «Ci racconteranno l’alimentazione di Dante e Boccaccio attraverso una rivisitazione dei piatti – è stato l’annuncio del presidente di Epta Confcommercio Umbria, Aldo Amoni -. Sarà un’edizione importante per tutti, la ripartenza del festival e di Foligno, dopo mesi difficili è importante gettare le basi per il futuro nel rispetto della tradizione e della sicurezza. Ogni giorno riceviamo tantissime telefonate di visitatori che non vedono l’ora di tornare a Foligno dove parleremo di pasta, benessere e salute. Ci aspettano nuovi format, incontri e appuntamenti, poi ovviamente tutti a tavola nei Villaggi del Gusto per le degustazioni che come sempre si svolgeranno nelle taverne della Quintana». «Dopo la Quintana la manifestazione Primi d’Italia è sicuramente la più importante per la nostra città – sono state le parole del sindaco folignate Stefano Zuccarini -. Ripartiamo con amore in un’edizione, purtroppo, ancora condizionata dal Covid. L’evento, in ogni modo, rappresenta un forte segnale di ritorno alla normalità». Secondo la vicepresidente dell’Assemblea legislativa dell’Umbria, Simona Meloni, «la domanda turistica sta cambiando e Primi d’Italia segue la forma delle esperienze enogastronomiche. Alcuni elementi rendono perfettamente riconoscibile il festival negli anni e l’apprezzamento del pubblico rappresenta un forte riscontro economico per il territorio». Giorgio Mencaroni, presidente della Camera di Commercio di Perugia, ha sottolineato che Primi d’Italia «è uno dei primi eventi aperti al grande pubblico in Umbria da quando ci siamo ritrovati ad affrontare il Covid e proprio per questo è importante che vengano rispettati tutti i protocolli sia da parte dell’organizzazione che dei visitatori. L’auspicio è riaprire l’Umbria in sicurezza attraverso eventi che, come questo, sappiano attirare turisti promuovendo i nostri migliori prodotti».

Il programma: i villaggi dei Primi Pasta, zuppe, riso, polenta, gnocchi, proposte senza glutine, tipicità locali, ma anche innovazione e interpretazioni di grandi chef: un universo di degustazioni di primi piatti – serviti con orario no-stop (giovedì 23 sett: 18-23; venerdì 24 e sabato 25 sett: 10-23; domenica 26 sett: 10-22) – nei luoghi più suggestivi del centro storico di Foligno, trasformati per l’occasione nei “Villaggi dei Primi”. Nei Villaggi del Gusto si possono effettuare degustazioni a € 4,00 e/o € 10,00. I ticket degustazione saranno acquistabili direttamente presso le casse di ciascun Villaggio: Villaggio del Tartufo presso Taverna Morlupo; Villaggio degli Gnocchi fatti a mano presso Taverna Pugili; Villaggio dei Risi mantovani presso Taverna Croce Bianca; Villaggio dei Primi di mare presso Taverna Spada; Villaggio della Carbonara presso Taverna Contrastanga; Villaggio dell’Amatriciana presso Taverna Giotti; I Villaggi della Polenta, del Cous cous, della Cucina gluten free presso Taverna Cassero.

Mostre e mercati Piazza della Repubblica ospiterà l’eccellenza della pasta italiana e sarà sede della Boutique della pasta: esposizione e vendita delle migliori paste artigianali di qualità. Nella suggestiva cornice del chiostro di Palazzo Trinci si terranno L’atelier del gusto, esposizione e vendita di eccellenze alimentari e prodotti a marchio protetto, e Odori & sapori, esposizione e vendita di spezie e piante aromatiche. Palazzo Candiotti ospiterà invece il Mercato delle tipicità locali , esposizione e vendita dei prodotti enogastronomici tipici locali, mentre in Piazza Matteotti si terrà Bontà mediterranee, esposizione e vendita dei prodotti alimentari nazionali tipici. In Piazza Matteotti largo al drink space: bevande, birre e cocktail per una dissetante esperienza di gusto tutta da scoprire.

Food talk, Palazzo Trinci Gli Italiani sono i più grandi consumatori di pasta al mondo (ne consumiamo 23 kg a testa l’anno), ma siamo sicuri di sapere tutto a riguardo? Sapevi per esempio che un piatto di pasta, di sera, non solo non fa ingrassare, ma aiuta ad avere un sonno tranquillo? E che lo stesso piatto di spaghetti, saltato in padella, è meno calorico di uno “scolato e mangiato”? Che grano, riso e altri cereali, oltre a essere la base della nostra salute e della longevità, sono anche tra i cibi più sostenibili? E che dire del gluten free e delle nuove paste di legumi? “Verità e Falsi miti sulla pasta”: scopriamoli insieme, sabato 25 settembre alle ore 11, con l’aiuto di quattro professioniste della nutrizione: le nutrizioniste e webstar Sara Farnetti (@sarafarnetti su Instagram) e Sara Olivieri (@iniziolunedì su Instagram), la produttrice di pasta sostenibile e gluten free Monia Caramma. Modera la giornalista Nina Gigante (Donna Moderna).

Cooking show, Palazzo Trinci Un ricco calendario di intrattenimenti giornalieri gratuiti all’insegna del gusto e del divertimento. Giovedì 23 si comincia con la foodblogger Rosalinda Ciarletti (ore 16) coniugando gusto e salute al motto di “sano it’s good”, per continuare con Carni Pregiate alla scoperta di una carne poco nota, il bisonte (ore 18). Venerdì 24 si avrà l’occasione di assistere alla preparazione di “un primo piatto da Chef” guidati dagli chef dell’Associazione Professionale Cuochi Italiani (ore 16), mentre la Federazione Italiana Dettaglianti dell’Alimentazione. Sabato 25 settembre Nikita Sergeev, chef del Ristorante Arcade di Porto San Giorgio, farà sentire “tutto il sapore del mare” (ore 16), mentre lo chef e mattatore televisivo Andy Luotto ci condurrà “fuori dai fornelli (ore 17.30) e Raimondo Mendolia dell’Università dei Sapori di Perugia ci porterà mani e cuore nel mondo della pasta (ore 18). Gran finale domenica 26 con la chef di cucina creativa Annalisa Benedetti e i suoi Ingannapreti (ore 12), con gli Strangozzi al tartufo e funghi della cuoca eugubina Rosita Merli dell’Osteria Il Bottaccione (ore 16) e la perfetta Cacio e pepe dello chef Giuseppe Claudio Fruci.

Food experience, Taverna Ammaniti (Ingresso libero, prenotazione obbligatoria: [email protected] – tel: 3924031466) Dimostrazioni di cucina interattiva per assistere, sotto la direzione di chef e testimonial d’eccezione, alla realizzazione di un primo piatto o partire per un viaggio di scoperta delle eccellenze enogastronomiche italiane. Al termine di ogni Food Experience, i partecipanti avranno la possibilità si degustare la ricetta presentata in abbinamento a un calice di vino. Giovedì 23 si comincia con i profumi e i colori dell’autunno guidati dallo chef Raimondo Mendolia dell’Università dei Sapori di Perugia (ore 16), per continuare con i giovani cuochi dell’Istituto Alberghiero di Spoleto che, come ogni giovedì che si rispetti, insegneranno ai partecipanti a preparare un piatto di gnocchi (ore 18). Venerdì 24 si avrà l’occasione imparare a fare la perfetta sfoglia con i cuochi dell’Associazione Professionale Cuochi Italiani (ore 16), mentre guidati da Pasta De Cecco si potranno scoprire le ragioni di un “metodo d’eccellenza” che si tramanda dal 1886 (ore 18). Sabato 25 i professionisti del Progetto I-Rexfo spiegheranno come ridurre gli sprechi in cucina (ore 11) mentre alle 13 sarà la volta della Fida, la Federazione Italiana Dettaglianti dell’Alimentazione che da tempo sono presenti ai Primi con diverse attività. Alle 16.30 si andrà alla scoperta della “Pasta come dovrebbe essere” con gli amici di Bontasana (pasta gourmet senza glutine) che presenteranno il loro progetto. Infine alle 18 spazio al Pastificio Non Solo Pasta da Laila che ci parlerà di pasta funzionale e benessere in tavola. Domenica 26 gli appuntamenti saranno tre. Impariamo a fare la pasta alla sfoglia alle ore 11 con l’ dell’Apci (Associazione Professionale Cuochi Italiani), alle 16.30 la Risosteria Mantovana organizza “Cra Cra e filiera del riso”. Chiusura alle ore 18.30 con “Un abbraccio di felicità” dell’Apci.

Special events, Corte di Palazzo Candiotti Le cene Ticket € 40,00; prenotazione obbligatoria: [email protected] – tel: 3924031466 Mercoledì 22 settembre, l’Anteprima del Festival è affidata alla Cena Dantesca, per celebrare il settecentesimo anniversario della morte del Sommo Poeta. Dalle ore 21 con lo chef SHADY che presenterà i piatti tratte dalle ricette della Divina Commedia. Sabato 25 la Corte di Palazzo Candiotti ospiterà ispirazioni gourmet: metti una sera a cena con… Paolo Trippini, ambasciatore del gusto impegnato nella valorizzazione delle biodiversità in cucina, chef del Ristorante Trippini di Civitella del Lago (paolotrippini.it).

I primi della domenica: Ticket € 25,00; prenotazione obbligatoria [email protected] – tel: 3924031466 Domenica 26 settembre, alle ore 13, il tradizionale pranzo della domenica è affidato a Fabrizio Rivaroli (fabriziorivaroli.it), chef folignate, formatore e docente dell’Università dei Sapori, che guiderà i commensali in un goloso itinerario di scoperta dei primi piatti umbri.

A tavola con le stelle, Palazzo Candiotti: Ticket € 40,00 prenotazione obbligatoria [email protected] – tel: 3924031466. Chef stellati propongono in degustazione un menu di primi piatti in abbinamento a vini prestigiosi. Un percorso gastronomico d’eccezione per il piacere dei vostri occhi e soprattutto del vostro palato. L’esperienza, l’estro, la genialità, la sapienza e la capacità delle Stelle dell’alta cucina a portata di tutti. Giovedì 23, ore 21:00, inaugura lo chef Gianfranco Pascucci (una stella Michelin) del Ristorante Pascucci al Porticciolo a Fiumicino (pascuccialporticciolo.com), con la sua cucina di mare: rigorosamente locale, sostenibile, di altissima qualità. Venerdì 24, alle ore 21:00 sarà la volta della chef Katia Maccari (una stella Michelin) del Ristorante I Salotti, Villa Il Patriarca a Chiusi (ilpatriarca.it), che con passione, estro e competenza tecnica ripropone le tradizioni della campagna senese in piatti sempre nuovi e sorprendenti.

I commenti sono chiusi.