lunedì 6 aprile - Aggiornato alle 14:03

Piano industriale Ast, sindacati e azienda prendono tempo: fissato nuovo incontro

Rappresentanti delle tute blu: «Piccoli passi in avanti ma restano nodi cruciali». Prossimo tavolo il 22 maggio

Quello di martedì pomeriggio in viale Brin a Terni era l’ultimo incontro programmato tra sindacati metalmeccanici e vertici Ast, ma le parti non hanno trovato un accordo e, soprattutto, al tavolo non c’è stato il tempo di affrontare tutti i temi riguardanti il piano industriale, nonché il contesto generale di riferimento e le criticità presenti in fabbrica, a più riprese denunciate dalle Rsu. L’amministratore delegato Burelli e i metalmeccanici hanno allora stabilito di rivedersi prima della fine del mese.

Nuovo confronto «Dagli incontri fin qui svolti – riferiscono Fim, Fiom, Fismic, Ugl, Uilm e Usb -, pur registrando su alcune tematiche segnali di modifica e di avanzamento rispetto a quanto proposto al ministero dello Sviluppo economico, rimangono aperti nodi cruciali per giungere ad una ipotesi di accordo complessiva per il biennio. Nella giornata di oggi, avendo ancora aperti temi non ancora affrontati ed approfonditi, si è convenuto di programmare un ulteriore incontro che si svolgerà il 22 maggio 2019 al fine di completare la discussione in sede locale. Come organizzazioni sindacali ritenendo utile il contributo fin qui dato auspichiamo che l’azienda riveda l’impostazione complessiva al fine di riformulare una proposta di piano industriale che rispetti realmente i presupposti di difesa strategica del sito e di mantenimento degli impegni presi».

I commenti sono chiusi.